Decreto sicurezza bis, la Camera approva: il testo ora al Senato

Il decreto sicurezza bis è stato approvato oggi: 322 voti favorevoli e 90 contrari alla Camera. I maggiori cambiamenti nei primi due articoli 

Decreto sicurezza bis, la Camera approva: il testo ora al Senato
Camera dei Deputati (GettyImages)

Durante la giornata di oggi, giovedì 25 luglio, è stato approvato dalla Camera il decreto sicurezza bis che ha visto un esito di 322 voti a favore, mentre i contrari sono stati  90.

Ora il testo dovrà essere esaminato e poi votato al Senato per essere approvato; il provvedimento contiene una serie di variazioni sul tema dell’immigrazione clandestina e si occupa delle imbarcazioni ong, o meglio dei soccorsi in mare. Prossimamente quindi si svolgerà anche la votazione al Senato.

Le novità più grosse, probabilmente, riguardano i primi due articoli del testo; nello specifico il ministro dell’Interno può intervenire sull’ingresso, il transito o la sosta nelle acque territoriali delle imbarcazioni, vietandone o limitandone l’ingresso, qualora si verifichino ragioni di sicurezza o reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

LEGGI ANCHE –> SERGIO MARCHIONNE: LA BIOGRAFIA DEL DIRIGENTE FIAT SCOMPARSO NEL 2018

Decreto sicurezza bis, la Camera approva: il testo ora al Senato. 17 i deputati 5stelle assenti

È stato dunque il giorno del Decreto sicurezza bis, approvato dalla Camera con 322 voti favorevoli, 90 contrari e un astenuto.

Oltre ad alcune variazioni, come spiegato sopra, sul tema dell’immigrazione clandestina e dei soccorsi in mare, è stata anche introdotta una multa che va da 150 mila euro fino a un milione per il comandante della nave che violerebbe il divieto e, in più, il sequestro della nave.

La maggioranza ha ottenuto i voti anche di Forza Italia e Fratelli d’Italia, ma nella Camera, per la suddetta votazione, ben 17 deputati del Movimento Cinque Stelle sono risultati essere assenti. Anche Roberto Fico, il presidente della Camera, si sarebbe allontanato prima del momento utile per esprimere la propria preferenza.