Danimarca, il Governo “complica” le pratiche per il divorzio

Si tratta di una misura cautelativa visto che fino ad ora bastava compilare un modulo online per ottenere il divorzio. La decisione è stata presa anche per salvaguardare le famiglie in Danimarca

Danimarca, divozio
Danimarca, le nuove innovazioni sul divorzio

Il divorzio è un tema da sempre scottante in ogni paese del mondo. In Italia ad esempio la prassi è piuttosto lunga, mentre in altri paesi le procedure sono di gran lunga più semplici.

Un esempio in tal senso era la Danimarca, che con un semplice modulo online regolava la fine dei rapporti coniugali. D’ora in poi non sarà più così. Il Governo infatti ha deciso di introdurre dei passaggi preliminari prima di arrivare al divorzio.

Leggi anche -> Napoli, bambino di 4 anni muore annegando in piscina

Danimarca, le novità sul divorzio

Il nuovo pacchetto legislativo entrato in vigore lo scorso aprile costringerà i danesi ad allungare i tempi e magari a ripensarci. Infatti prima che il tutto possa essere ratificato dovranno passare tre mesi, in cui la coppia si sottoporrà a delle sedute di consulenza matrimoniale.

Lo Stato infatti, ha l’obiettivo di tutelare le famiglie, ma anche se stesso. Infatti due single costano di più di una famiglia ai comuni in termini di alloggi e servizi. Inoltre c’è l’esigenza di tamponare una situazione piuttosto critica. Secondo il noto tabloid inglese The Guardian, in Danimarca nel 2018 ci sono stati 15mila divorzi, che corrispondono al 50% delle unioni celebrate.

Dal canto loro i cittadini hanno accolto l’innovazione con grande entusiasmo e come segno di assistenza in un momento complicato. La maggior parte dei comuni si è già attivata per organizzare i percorsi di “Cooperazione”. Sono previste anche delle applicazioni volte a “salvare il matrimonio”, naturalmente in base al tipo di problematica che si deve affrontare.