Swansea, la città dei cigni con una baia dal fascino immenso

Si tratta della seconda città del Galles per numero di abitanti. La baia è di gran lunga la perla di Swansea, che ha dato i natali a personaggi illustri come Dylan Thomas e John Charles

Castello Swansea
Castello Swansea

Per gli amanti delle mete poco comuni, Swansea è il giusto compromesso tra bellezza e originalità. Difficilmente nella città del Sud del Galles si vedono turisti in giro o comunque se ci sono si mischiano subito alla gente del posto. Trovare souvenirs e cartoline è un’impresa ardua, con un po’ di fortuna ci si può riuscire al mercato centrale.

Essendo meno “commerciale” di Cardiff è più tradizionalista e meno cosmopolita ed infatti seppur meno popolosa rispetto alla Capitale, ha una percentuale più alta di persone che parlano il gallese. In lingua celtica è chiamata Abertawe, nome che deriva anche dalla fiume che scorre in città, ovvero il Tawe. La denominazione Swansea invece ha origini vichinghe e tradotto letteralmente significa “mare del cigno”.

In passato è stato un importante centro industriale, mentre oggi pur mantenendo questa caratteristica, è decisamente più vicina alla pesca. Camminando nei pressi delle zone marine è possibile annusare l’odore di pesce tipico degli innumerevoli pescherecci ormeggiati nei paraggi.

Leggi anche -> Cardiff: la Capitale cosmopolita del Galles immersa nei parchi

Swansea: la baia e Dylan Thomas

Trattandosi di un territorio molto piccolo (che vanta comunque 170mila abitanti), le attrattive non sono molte. Poco lontano dalla stazione ci sono i resti del Castello costruito nel 1100, mentre in centro ci sono il museo cittadino e quello nazionale, oltre che a numerosi barbieri, che sono praticamente in ogni strada.

Rimanendo in tema arte, l’interesse maggiore lo suscita senz’altro il Dylan Thomas Center, all’interno del quale è possibile ammirare una mostra con testimonianze e reperti inerenti alla vita e alle opere del poeta più celebre del paese, che ha vissuto nella prima metà del 1900. L’altro personaggio di spicco è John Charles attaccante della Juventus degli anni ’60, che fece faville in coppia con Omar Sivori.

Tornando in tema bellezze, la baia è tra le più suggestive dell’intero Galles, ma per vederla tutta c’è bisogno di qualche giorno visto che è abbastanza grande. È comunque possibile ammirarne uno scorcio uscendo poco fuori dal centro.