Di Maio: “Escludo crisi di governo, parliamo ed andiamo avanti”

Luigi Di Maio (Getty Images)

Intervenuto alla trasmissione della Rai “Agorà estate”, Di Maio respinge l’ipotesi della crisi di governo auspicando, al contrario, la prosecuzione dell’esperienza governativa

Corregge il tiro il vicepremier Di Maio dopo che ieri ha invitato l’alleato di governo leghista a fare chiarezza sull’intenzione di dare vita ad un nuovo esecutivo risuscitando il centrodestra. Nonostante spirino venti di crisi di governo, il leader politico dei 5Stelle, ospite della trasmissione della Rai “Agorà estate”, esclude il collasso dell’esecutivo gialloverde auspicando un incontro con i leghisti per fare chiarezza ed andare avanti con l’esperienza governativa: “Escludo una crisi, mi hanno sempre insegnato”male non fare, paura non avere”: abbiamo da realizzare riforme importanti. Sono dinamiche di governo con due forze politiche diverse ed è auspicabile che oggi ci vediamo e ci parliamo: è giusto che ci incontriamo, ci chiariamo e andiamo avanti perché ci sono il  Consiglio dei Ministri e il tavolo autonomia”.

LEGGI ANCHE –> IL VICEPREMIER DI MAIO: “CON SALVINI NON PER VIVACCHIARE”

Di Maio: “Escludo crisi di governo”. Salvini: “Se cade governo, c’è solo il voto”

E’ un Di Maio, dunque, che è ritornato sui propri passi dopo che al summit con i capigruppo delle Camere e gli esponenti a lui più vicini per un briefing, dopo che Salvini aveva ventilato la possibilità di staccare la spina al governo, avrebbe tuonato: “Siamo stati pugnalati alle spalle, le offese e le falsità pronunciate nelle ultime 48 ore contro il M5S non hanno precedenti”. Sembrava, quindi, fosse arrivato il momento della resa dei conti tra i due alleati di governo, invece oggi il leader politico pentastellato tende la mano a Salvini che, tuttavia, continua a ribadire che “oltre questo governo ci sono solo le elezioni” in quanto “la finestra elettorale è sempre aperta” lasciando intendere che la crisi di governo è un’opzione sempre sul tavolo. Il nodo per il titolare del Viminale è sempre lo stesso: “Tra gli alleati di governo si è persa la fiducia, anche a livello personale. Speravo che dopo il voto si placassero le polemiche. In ogni caso, noi siamo gli ultimi a essere attaccati alle poltrone. Ma se i no prevalgono sui sì, non ha più senso andare avanti”.

LEGGI ANCHE –> ANTICIPAZIONI | CANALE 5, LA SAI L’ULTIMA? | OSPITI | DOVE VEDERLO