Medicina, emergenza in Inghilterra: 12 vittime per un batterio killer

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:52
Medicina, emergenza in Inghilterra: 12 vittime per un batterio killer
Ambulanza (GettyImages)

La diffusione di un batterio di origini sconosciute, che ha già provocato 12 vittime in Inghilterra sta creando il panico e gettando nel caos la medicina inglese

Caos medicina in Inghilterra a causa della diffusione di un batterio di origine sconosciuta, ribattezzato già da molti “killer”, che ha provocato la morte di 12 persone e contagiato 32: l’epidemia è scoppiata nella contea dell’Essex.

La malattia colpirebbe soprattutto gli anziani, che rappresenterebbero la maggioranza delle vittime, e tra i sintomi indicati ci sarebbero dolori alla gola, ingrossamento dei linfonodi, alcune macchie rosse in bocca, emicrania e dolori all’addome, la dilatazione delle tonsille ed eruzioni cutanee.

Il primo caso risalirebbe a febbraio, tuttavia il numero delle vittime sarebbe andato in crescendo già a marzo, tutti nella medesima località, la contea dell’Essex. I decessi più recenti risalgono ad alcune settimane fa.

LEGGI ANCHE –> SEA WATCH 3, SALVINI: ” SEQUESTRO ED ARRESTO “

Medicina, 32 casi in Inghilterra per l’iGAS: il contagio del batterio

12 vittime accertate per la diffusione di un batterio di origine sconosciuta e la medicina nel caos in Inghilterra dunque, con il contagio di almeno 32 persone.

Nello specifico, la malattia riguarda lo streptococco invasivo di gruppo A, iGAS per l’appunto, con un rischio diffusione concreto stando agli esperti, mediante la saliva, con starnuti e baci, o anche attraverso il contatto della pelle.

Tuttavia, nonostante la gravità della situazione, sembra che la possibilità di contagio, sebbene concreta, sia relativamente basso per gran parte della popolazione, e a venirne colpiti, come detto, sarebbero soprattutto le persone con qualche anno in più.

La cura antibiotica, se fatta per tempo, è la risposta giusta alla malattia e al contagio; in questo senso è importante per la popolazione riconoscerne i sintomi. Nel frattempo, gli esperti continuano ad indagare sulla natura misteriosa del batterio.