Intelligenza artificiale: rivela le mutazioni genetiche collegate all’autismo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:51
Intelligenza artificiale: rivela le mutazioni genetiche collegate all'autismo
Bambino (GettyImages)

L’intelligenza artificiale ha scovato mutazioni genetiche inedite alla base dell’autismo e le ha individuate nel cosiddetto Dna spazzatura

Le mutazioni genetiche inedite alla base dell’autismo sono state scovate dall’intellicenza artificiale: le mutazioni sono state individuate nel cosiddetto Dna spazzatura, ossia nella regione del genoma che non controlla la produzione di proteine.

Pubblicata sulla rivista Nature Genetics, la scoperta si deve al gruppo dell’Università di Princeton guidato da Olga Troyanskaya ed è “la prima chiara dimostrazione di come mutazioni di geni non codificanti proteine possano causare un disturbo umano complesso”, ha osservato la ricercatrice.

Il nuovo metodo, ha proseguito, “fornisce un quadro di riferimento che potrebbe essere utilizzato anche per scoprire le cause genetiche di altre malattie”, come disturbi neurologici, tumori, malattie cardiache e molte altre condizioni per le quali ancora non si sono identificate tutte le cause genetiche.

Finora i geni collegati all’autismo erano stati individuati nelle regioni del Dna responsabili della produzione di proteine e che costituiscono solo una piccolissima parte del genoma umano, compresa fra l’1% e il 2%.

LEGGI ANCHE–> Nessun legame tra vaccini e autismo: lo conferma uno studio su 657.461 bambini

Intelligenza artificiale: rivela le mutazioni genetiche collegate all’autismo. La ricerca delle mutazioni

Le mutazioni genetiche inedite alla base dell’autismo sono state scovate dall’intellicenza artificiale: le mutazioni sono state individuate nel cosiddetto Dna spazzatura, ossia nella regione del genoma che non controlla la produzione di proteine.

Le mutazioni individuate finora in questa parte del Dna rappresentano il 30% dei casi di autismo e c’era il forte sospetto che vi fossero anche altre mutazioni coinvolte. Per trovarle, i ricercatori hanno chiesto aiuto all’intelligenza artificiale, utilizzando un algoritmo per analizzare l’intero genoma di 1.790 individui con autismo e quello dei loro genitori e fratelli non affetti dal disturbo.

Complessivamente sono state passate al setaccio 120.000 mutazioni genetiche e, fra queste, l’algoritmo ne ha identificate migliaia, finora inedite, collegate all’autismo. Tutte si trovano nella regione più misteriosa del genoma, che costituisce ben il 98% del Dna e che non produce proteine, motivo per cui in passato era stata chiamata Dna “spazzatura”.

LEGGI ANCHE–> Amazon, Jeff Bezos presenta “Blue Moon”: “porterà gli uomini sulla Luna”

Di recente, invece, si è dimostrato che questa porzione del Dna svolge un ruolo molto importante perché, come un regista, aiuta a regolare i geni che controllano le proteine.