fca tesla sanzioni co2

E’ in fase avanzata il progetto di fusione tra Fca e la Renault-Nissan-Mistubishi: nascerebbe il terzo gruppo del mondo per numero di auto vendute all’anno

Fca ha presentato una proposta per una fusione con il gruppo Renault “per creare uno dei principali gruppi automobilistici al mondo”. La fusione tra Fca e gruppo Renault non comporterà nessuna chiusura di stabilimenti. Lo precisa una nota di Fca. Il board della casa automobilistica francese è riunito in queste ore per esaminare la proposta. La società risultante dalla fusione sarà detenuta per il 50% dagli azionisti di Fca e per il 50% dagli azionisti di Groupe Renault, con una struttura di governance paritetica e una maggioranza di consiglieri indipendenti. Questi i termini dell’ipotesi di “matrimonio” contenuta nella proposta inviata da Fca a Renault.

LEGGI ANCHE –> FINANCIAL TIMES: RENAULT, FUSIONE CON LA NISSAN E POI NEL MIRINO FCA

La  fusione tra Fca e Renault Groupe porterebbe alla nascita di un polo automobilistico che venderebbe 8,7 milioni di auto all’anno, numeri che lo renderebbero il terzo al mondo. Fca, nello strutturare la propria proposta, si è focalizzata sulla possibilità di crescere insieme nei settori di nuova esplorazione. Una mossa indifferibile anche per far fronte alla competizione crescente da parte di nuovi competitor, come Google, che entrano nel mondo delle quattro ruote. Intanto tale progetto di fusione ha già ricevuto il beneplacito dal parte della Francia,  il cui governo  è favorevole e lo incoraggia anche se aspetta di conoscerne le  condizioni. Lo ha detto il portavoce del governo francese Sibeth Ndiaye, secondo quanto riporta Bloomberg. La fusione, sempre secondo il portavoce del governo di Parigi, promuoverebbe “la sovranità economica” dell’Europa dove “abbiamo bisogno di giganti“. Ndiaye, inoltre, ha ricordato che la scorsa settimana il Ministro dell’Economia francese, Le Maire, ha incontrato il presidente di Renault, Senard, per parlare proprio di tale operazione.

 

Facebook Comments