Guardiola - Juventus, il mercato scommette su Pep: titolo in rialzo
Guardiola (GettyImages)

In attesa che venga nominato il successore di Max Allegri, il mercato scommette su Pep Guardiola per la panchina della Juventus: i titoli sono in rialzo

A Piazza Affari, la Juventus è ancora sotto i riflettori: sono giorni particolari dopo il “divorzio” con Max Allegri, e per il suo successore il mercato scommette su Pep Guardiola, attuale allenatore del Manchester City.

I titoli segnano un rialzo, nonostante il Ftse Mib ceda terreno, e dai minimi toccati lo scorso 24 aprile, a seguito della valanga di vendite arrivata dopo l’uscita della squadra di calcio dalla Champions League, le azioni bianco-nere hanno recuperato il 23% circa del proprio valore.

Dai valori di fine 2018 vantano un progresso complessivo attorno al 35%, favorito anche dall’ingresso dei titoli nel Ftse Mib.

LEGGI ANCHE –> ESTRAZIONI SUPERENALOTTO LOTTO | DIRETTA | GIOVEDÌ 23 MAGGIO 2019

Guardiola – Juventus: pronto un nuovo colpo a sorpresa?

Quello di Guardiola alla Juventus sarebbe un nuovo colpo a sorpresa, in linea con quanto avvenuto l’anno scorso con l’arrivo di Cristiano Ronaldo; intanto le quotazioni delle agenzie di scommesse sul prossimo tecnico della Juve riguardo mister Guardiola sono precipitate.

Secondo quanto riportato da l’AGI, i bianconeri e il tecnico dei Citizens avrebbero raggiunto che impegnerebbe l’allenatore con i bianconeri per quattro anni con un compenso di 24 milioni di euro a stagione. Secondo quanto apprende l’AGI, la firma è prevista per il 4 giugno. Venerdì 14 poi la presentazione ufficiale, giorno in cui, casualità, i tour per visitare l’Allianz Stadium con il relativo Juventus Museum sono stati improvvisamente e misteriosamente sospesi.

Di ufficiale ancora non c’è nulla, e su Internet i tifosi continuano a discutere su chi siederà sulla panchina della Juve. Lo stesso Guardiola proclama che si trova benissimo con il Manchester City e che vuol restare nel club col quale ha vinto la Premier League. Ma l’accordo sarebbe cosa ormai fatta.

Facebook Comments