candidato sindaco cagliari m5s
Non ci sarà nessun candidato del M5S alle elezioni comunali di Cagliari del prossimo 26 maggio

Il candidato sindaco del M5S di Cagliari è finito al centro delle polemiche per alcuni post anti-aborto: il Movimento toglie appoggio.

“Ci sono valori che fanno parte del Dna del MoVimento, come l’idea di una donna che ha diritti e doveri identici a quelli dell’uomo. Nel lavoro, in famiglia, in amore – ha chiarito poi ufficialmente il M5S – Ribadiamo che siamo lontani anni luce dalle posizioni espresse al congresso di Verona e oggi prendiamo le distanze da quanto affermato dal candidato a sindaco di Cagliari Alessandro Murenu. Chi vuole associare rivendicazioni come quelle espresse a Verona contro la donna al simbolo del MoVimento, si sbaglia di grosso ed è fuori dal nostro progetto”. Con queste parole, il M5S ha revocato la certificazione del simbolo al candidato alle Comunali di Cagliari Alessandro Murenu. Il nome di Murenu questa mattina era “sparito” dalla griglia delle liste del M5S pubblicata sulla piattaforma Rousseau. La motivazione ufficiale della revoca non è stata ancora comunicata ma su Murenu, nelle ore scorse, si era scatenata una bufera “social” su due post contro le unioni civili e l’aborto.

Nessun candidato M5S a Cagliari

La lista di Murenu non compare più nell’elenco di quelle certificate dallo staff nazionale del M5S sul sito www.movimento5stelle.it. Il candidato ha cancellato il suo profilo Facebook quando è scoppiata la polemica e poi ha affidato a una nota stampa la sua risposta. «La legge 194 non si tocca, così come non si torna indietro sui diritti delle persone omosessuali – ha voluto precisare -. La mia vita professionale e familiare testimonia questi valori, anche a difesa dei diritti dei migranti, ma prendo atto che con l’apertura della campagna elettorale si è messa in moto anche la macchina del fango». Il medico-candidato sindaco ha cercato di correggere il tiro anche con una seconda sottolineatura: «La mia vita, la mia professione, i miei rapporti lavorativi e personali parlano chiaramente a favore della massima tolleranza e rispetto delle persone, senza alcun pregiudizio. Sono state prese a caso alcune frasi e totalmente decontestualizzate. Ma non è la prima volta che contro i candidati del Movimento la realtà viene stravolta, e questa ne è l’ennesima riprova”.

LEGGI ANCHE —> CAGLIARI, ANZIANO UCCIDE LA MOGLIE E POI SI TOGLIE LA VITA

Facebook Comments