Brexit accordo Ue May sfiducia
La premier britannica Theresa May dovrà affrontare oggi la mozione di sfiducia dei laburisti

Il voto del parlamento britannico boccia l’accordo con l’UE. La premier May non si dimette ma dovrà affrontare la mozione di sfiducia presentata dai laburisti. 

Battuta d’arresto per la Brexit. Il temuto “no” del Parlamento è arrivato nella tarda serata di martedì 15 gennaio. In una seduta particolarmente vivace, la Camera dei Comuni di Londra ha infatti bocciato in modo netto la ratifica dell’accordo di addio all’Ue raggiunto da Theresa May con Bruxelles lo scorso novembre. Il Parlamento ha votato con 432 voti contrari, solo 202 quelli a favore. Ben 115 membri della maggioranza hanno voltato le spalle alla May, che fino all’ultimo minuto ha cercato di convincere i suoi parlamentari. “È un voto storico che cambierà il futuro delle nostre generazioni per decenni”, aveva detto nel suo ultimi appello poco prima della votazione. “Il no all’accordo è stato molto chiaro ma sul tavolo non ci sono alternative”, ha poi dichiarato la premier dopo l’annuncio della disfatta.

 

Brexit: oggi voto di sfiducia su Theresa May

Nonostante il tracollo di ieri, la premier tory Theresa May non ha rassegnato le proprie dimissioni. La sua decisione ha suscitato l’ira delle opposizioni. In particolare, i laburisti hanno presentato al governo una mozione di sfiducia che sarà votata stasera. La stessa Theresa May ha invocato la mozione come ultima carta per non dimettersi. Per i sondaggisti la sfiducia è comunque improbabile. I Tories difficilmente voteranno contro il proprio esecutivo e gli unionisti nordirlandesi (Dup) hanno già annunciato il loro voto di fiducia. Salvo clamorosi colpi di scena, Theresa May dovrebbe restare a capo del governo ma la situazione è tutt’altro che semplice per il suo esecutivo. Resta infatti il nodo spinoso della Brexit. Il governo May avrà tre giorni di tempo per presentare al Parlamento un nuovo piano, ma le divisioni emerse nelle ultime settimane non lasciano alcuna certezza sulla strada da perseguire.

LEGGI ANCHE —> BREXIT, LA PRESUNTA OFFESA DI JEREMY CORBYN A THERESA MAY

Facebook Comments