Manovra, l’Italia in sciopero: le date di gennaio 2019

Aula Sciopero Scuola
Aula vuota

Gennaio 2019 sarà un mese caldo per lo sciopero contro la manovra: diverse sono le date in cui sospenderanno le attività i settori di scuola, sanità e trasporti

 

Sanità, trasporti e scuola: questi i principali settori in sciopero contro la manovra economica. Per gennaio 2019, infatti, sono già previste diverse date per il blocco delle attività: la mobilitazione sarà nazionale e partirà dalla prima decade del mese. I primi a scioperare saranno i docenti e il personale A.T.A., che incroceranno le braccia nelle date del 7 e dell’8 gennaio, prolungando di fatto le vacanze natalizie. Lo fa sapere il S.A.E.S.E. (Sindacato autonomo europeo scuola ed ecologia), attraverso la proclamazione di sciopero pervenuta agli istituti scolastici e quindi alle famiglie degli alunni.

Seguirà lo sciopero dei trasporti di Trenitalia, per la sezione equipaggi e distribuzione DPLH della regione Liguria, l’8 gennaio. Questa è solo la prima delle 6 date già indette da Trenitalia, che in Toscana si fermerà il 19 e il 20 gennaio. Ancora, il 20 e il 21 i trasporti ferroviari si fermeranno in Piemonte e Valle d’Aosta, mentre il 24 e il 25 toccherà alla Calabria. Questa prima mobilitazione dell’anno si chiuderà a Bologna, con la giornata di sciopero del personale Trenitalia del 25 gennaio.

Settori in sciopero a gennaio: la sanità

Per il mese di gennaio 2019 sono previste una serie di date di sciopero contro la manovra, che riguarderanno principalmente i settori di scuola, trasporti e sanità. Insieme a Trenitalia, il 25 gennaio segnerà anche l’avvio della protesta del settore sanitario, che proseguirà con un’altra data da collocare entro la prima settimana di febbraio. Il destinatario del malcontento è sempre lo stesso, ovvero la Legge di Bilancio 2019 che, secondo i sindacati di categoria, sarebbe incapace a far fronte ai problemi della sanità italiana. Una manovra che ha destato non poche polemiche, in primis alla Camera, dove c’è stata bagarre prima del voto di fiducia.