Miopia diventa epidemia entro 2050: cause e prevenzione, lo studio

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

La miopia rischia seriamente di diventare una epidemia nei prossimi anni. A rivelarlo è stato uno studio che ha lanciato l’allarme: ecco le cause e come prevenirla.

È il disturbo oculare più comune al mondo, nonché la principale causa di disabilità visiva nei bambini. La sua incidenza è in rapido aumento, tanto che la maggior parte dei medici e ricercatori sono preoccupati per questa condizione che colpisce in larga fascia i più giovani. Andiamo a vedere che cosa è emerso nello studio, quali sono le cause di questo aumento e che cosa bisogna fare per prevenire tale condizione.

miopia
fonte foto: AdobeStock

La compromissione della vista correlata alla miopia ha un impatto ed effetto significativo sulla qualità della vita. Per quanto riguarda il funzionamento fisico, emotivo e sociale dei pazienti. E questo era noto già da diversi anni. Le cose però potrebbero degenerare nei prossimi anni, tanto che si parla di una vera epidemia per quanto riguarda questa patologia di salute fisica.

A spiegare che cosa è successo è stato il professore Paolo Nucci, nonché direttore della clinica universitaria dell’Ospedale San Giuseppe di Milano. È stato lui che si era preoccupato già nel 2017 quando erano state rese note delle proiezioni. Queste dicevano che entro il 2050 l’Italia ed Europa avrà il 75-80% della popolazione con miopia. Una condizione degenerata dallo stile di vita delle persone.

Miopia, rischio epidemia: le cause ed i rischi

Uno studio condotto dal Dipartimento di Oftalmologia dell’Università Emory di Atlanta negli USA, ha sottolineato come questa condizione sia il risultato del confindamento domestico durante il Covid. Il lockdown ha provocato una maggiore prevalenza della patologia nei bambini e adolescenti. Dove hanno spiegato che quella situazione ha generato uno sforzo maggiore per la vista.

Invece, lo studio guidato dal Dipartimento di Matematica e Fisica dell’Università del Salento ha puntato tutto sulla prevenzione. I dati della ricerca hanno messo in evidenza che i paesi che sono tecnologicamente più avanzati avranno dei problemi acuti. Questo perché, stare ore a fissare da vicino i dispositivi digitali chiede all’occhio uno sforzo maggiore. In quanto la vista dell’essere umano è programmata per guardare da lontano.

Nonostante non ci siano ancora dati certissimi, dalla ricerca effettuata con dei campioni, emerge che: “Leggere su uno schermo digitale e vivere in un ambiente chiuso porta uno sforzo per gli occhi continuo”. È questo quello che dicono gli esperti, come si legge su La Repubblica.

Come prevenire la miopia

L’incidenza in rapido aumento della miopia, combinata con i suoi significativi oneri sociali ed economici, ha stimolato la ricerca su cause, sui possibili trattamenti e sugli sforzi per la prevenzione. Nello studio del Salento sopra citato, il professor Luigi Saclì ha specificato che la vita indoor ha acuito questa patologia. Le cause sono quindi riconducibili ad uno stile di vita sbagliato, anche se si è predisposti ad una certa familiarità.

L’ambiente costituisce sempre una forte accelerata. E per questo motivo bisogna prevenire fin da quando si è molto piccoli. Per prevenirla è bene ridurre il tempo in cui si sta a casa e stare fuori il più possibile e vivere all’aria aperta. Questo perché la luce del sole fa bene alla vista. Come moltissime persone sanno, ci sono anche diversi trattamenti per ‘correggere’ il problema: indossare occhiali o lenti a contatto sono i più comuni.

Le informazioni scritte all’interno dell’articolo hanno un fine divulgativo ed informativo e sono prese da una ricerca specializzata. Pertanto, non vogliono andare a sostituire in alcun modo un parere medico e specialistico. In caso di problemi con la viste è consigliato richiedere una visita specialistica.