Truffa del benzinaio, ti lasciano l’auto in panne: scopri come difenderti

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Non bastava dover fronteggiare rincari energetici e inflazione alle stelle: adesso si sono messi di mezzo anche personaggi disonesti che utilizzano accorgimenti “poco ortodossi” per approfittarsi degli ignari automobilisti.

I prezzi alle stelle della benzina hanno trasformato l’automobile, da piacere e passione, a un vero e proprio incubo. E poi lo sappiamo bene: nei momenti di maggiore vulnerabilità della collettività scattano gli stratagemmi dei furbetti che mettono a rischio le nostre già magre finanze.

Truffa benzinaio fonte adobe stock
Truffa benzinaio fonte adobe stock

Quando entri in una stazione di servizio, è probabile che il tuo rifornimento sia all’insegna della più grande tranquillità, come in fondo è sempre accaduto, mentre la tua famiglia ti sorride gioiosa in attesa della tua gita fuori porta domenicale, tranne ovviamente per il momento in cui ti arriverà il conto della tua carta di credito o scoprirai che il tuo portafoglio è vuoto.

Tuttavia, le stazioni di servizio del carburante possono essere bersagli di svariate truffe, poiché così tante persone e automobili passano attraverso di esse per brevi transazioni ogni giorno, che qualcuno ha pensato bene di usarle come facile bersaglio per le proprie trappole.

Truffe alle pompe di benzina: tutti i pericoli che corri

La truffa dello skimmer. Uno skimmer è un dispositivo collegato sopra il lettore di carte di credito su una pompa di benzina che legge la banda magnetica su una carta di debito o di credito mentre la carta è inserita nel lettore di carte. Lo skimmer, così come per i bancomat, memorizza le informazioni sulla carta. 

La truffa della pompa falsificata. Questa è un’altra classica truffa usata occasionalmente da dipendenti o proprietari di una stazione di servizio “poco onesti”. La pompa è modificata per fornire false letture. In alcuni casi, i rincari potrebbero iniziare prima ancora che tu abbia iniziato a pompare gas.

La truffa del prezzo sbagliato. Alcune stazioni di servizio fanno pagare di più quanto si paga con carta di credito. Tuttavia, ai clienti che entrano per pagare in contanti potrebbe essere addebitata la tariffa della carta di credito anziché la tariffa di sconto in contanti. L’importo rubato a ogni singolo cliente è ovviamente molto piccolo. Tuttavia, se i dipendenti lo fanno regolarmente, si può raggiungere una notevole quantità di denaro “ottenuto illecitamente”.

La truffa dei tubi invertiti. In questa truffa, il criminale parcheggia su un lato della pompa e inverte i tubi, quindi il tubo di una pompa è nella fondina dell’altra pompa e viceversa. Il cliente si ferma dall’altro lato della pompa, inserisce la propria carta e sceglie il livello del gas da erogare. Un po’ come accaduto a Napoli. Il criminale inserisce quindi il tubo della pompa del cliente nell’auto del criminale o in un recipiente e vi pompa il gas. Il cliente inserisce il tubo dell’altra pompa nell’auto per riempirlo e, poiché il contatore sta girando, potrebbe non notare nulla di sbagliato. Quando il cliente capisce che non c’è flusso di gas, il criminale è scappato con un serbatoio di gas pagato dal cliente. Il dramma è quando il cliente onesto si accorge che la sua auto è in panne poiché rimasta senza benzina.