Elettrodomestici, quali consumano di più? Ecco come incidono sulla bolletta

Tempi difficili, tempi di notti insonni per le famiglie italiane, a causa dei rincari energetici che ci stringono come un nodo alla gola. E’ bene capire come risparmiare in casa e quali sono gli elettrodomestici che consumano di più.

Alcuni comuni elettrodomestici stanno facendo salire in modo spasmodico la bolletta della luce, contribuendo in larga a parte a peggiorare una situazione già gravemente compromessa dalle nefaste contingenze economiche-finanziarie globali. Ecco cosa devi sapere per ridurre al minimo il consumo di energia nel tuo appartamento.

elettrodomestici consumo
fonte foto: AdobeStock

La famiglia media in Italia, ovvero 4 persone, può arrivare a spendere oggi oltre 400 euro al mese in elettricità per alimentare i propri elettrodomestici. E mentre questo numero varia da stato a stato a seconda del costo locale dell’elettricità e del fabbisogno elettrico della famiglia, la regola generale è che la media le famiglie potrebbero risparmiare non poco sui costi dell’elettricità.

Uno studio ha anche scoperto che la maggior parte delle famiglie utilizza effettivamente solo circa il 65% di ciò che spende ogni mese, mentre l’altro 35% va sprecato a causa degli elettrodomestici che “succhiano” corrente per il modo errato in cui li adoperiamo.

Caro bollette, tutta colpa di questo elettrodomestico

Il più grande consumatore di elettricità nella famiglia media è il tuo apparecchio di riscaldamento e raffreddamento. Di gran lunga. I condizionatori d’aria e i riscaldatori centrali consumano tonnellate di energia per mantenere la tua casa alla giusta temperatura. Sebbene dipende da quale si utilizza di più (riscaldamento o raffreddamento), il riscaldamento generalmente utilizza più elettricità durante tutto l’anno, rappresentando il 25% di aumento medio del consumo annuale di elettricità.

Se hai uno scaldabagno elettrico, allora è probabilmente il secondo più grande consumatore di energia nella tua casa. Usi lo scaldabagno per cose come fare la doccia, lavare i piatti, usare il lavandino e il bucato. Nel complesso, queste attività si sommano per rendere gli scaldabagni un risucchio di energia piuttosto significativo ogni mese.

Le lampadine sono diventate molto più efficienti dal punto di vista energetico nel corso degli anni. Oggi, la migliore tecnologia di illuminazione sul mercato, i LED, utilizza molta meno energia rispetto ai loro predecessori (CFL e lampadine a incandescenza) e durano anche molto più a lungo, riducendo gli sprechi. Per non parlare del fatto che costano meno anche per l’esecuzione. Tuttavia, l’illuminazione rappresenta una parte significativa del consumo di elettricità ogni mese a causa della quantità di utilizzo.

Sebbene il tuo frigorifero in realtà non richieda così tanta energia per funzionare ogni ora, consuma un bel po’ di elettricità semplicemente perché è sempre acceso. Infine il consumo energetico mensile di lavatrici e asciugatrici dipende dalla frequenza con cui fai il bucato, ovviamente. Ma, quando fai funzionare la lavatrice e l’asciugatrice, tendono ad aspirare molta elettricità, specialmente se fai funzionare la lavatrice con acqua calda. In media, fare il bucato rappresenta circa il 5% del consumo annuale di elettricità.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, pensioni, bonus, invalidità - 104 e news