Quanto costa una cena da Javier Zanetti? La cifra spiazza

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Javier Zanetti è stata a lungo un calciatore amatissimo. Ancora oggi è nel mondo del calcio da vice presidente dell’Inter. Fuori dal calcio, ha un ristorante molto nominato a Milano. “Botinero”. Ma quanto costa una cena? Vediamo insieme tutti i prezzi.

Molti sportivi, sia durante l’attività agonistica che dopo il ritiro, scendono in campo nell’ambito imprenditoriale. Sono tanti, infatti, che scelgono la cucina come settore da approfondire e costruire. Tale scelta è stata fatta anche dallo storico capitano dell’Inter, Javier Zanetti.

Javier Zanetti
Fonte foto: Ansa

La storia calcistica e professionale dell’argentino ex Inter è qualcosa di davvero importante. Dall’Argentina approdò all’Inter nel 1994 e, da quel momento, non ha più lasciato Milano. La città e il club gli hanno dato praticamente tutto e lui ha risposto in maniera impeccabile in qualsiasi situazione. Come è impeccabile il suo Botinero. Un locale elegante e caratteristico con tantissime proposte di qualità.

I giocatori hanno sempre avuto un legame con la cucina. In questo caso ci focalizzeremo sulle proposte del ristorante di Zanetti. Ma, ad esempio, anche Alex Del Piero è sceso in campo in questo settore. Lo ha fatto con un locale molto noto e che ha attirato tantissima attenzione. Chiusa questa piccola parentesi, vediamo le offerte del Botinero.

Quanto costa una cena al Botinero di Javier Zanetti?

Il Botinero di Javier Zanetti è uno dei ristoranti maggiormente frequentati di Milano. La proposta che mette in campo si divide in due parti: abbiamo il classico menù alla carta aperto a tutti e un extra menù pranzo. Quest’ultimo è per i convenzionati.

Partiamo dal menù classico. Qui troviamo ben 10 antipasti. si va da un minimo di 12 euro in cui possiamo trovare la provoletta oppure la burratina e acciughe del cantabrico. A 14 euro troviamo la bresaola artigianale Nobili e la cicoria con fave. Mentre a 16 euro possiamo prendere la mini tartare di filetto argentino, carpaccio di black angus e fiori di zucca. Troviamo, poi, il crudo San Daniele e burratina e anatra e scampi, rispettivamente a 18 e 20 euro. Chiudono la lista a 24 euro i cardoncelli e capesante.

Per quanto riguarda i primi abbiamo 6 proposte. a 12 euro troviamo lo spaghettone quadrato al pomodoro. A 16 e 18 euro possiamo scegliere tra il risotto alla milanese e i rigatoni con ragù di filetto argentino. Per 22 euro possiamo assaggiare il risotto Pupi, soprannome dell’argentino. Un risotto alla milanese con un cuore di ragù di entrana di vitello. Mentre a 24 euro troviamo i troccoli, cime di rapa e burratina.

La sezione dei secondi è veramente ben fornita. Ci sono 19 proposte da poter scegliere. Si va dai 28 euro dell’entrana di vitello fino ad arrivare ai 150 euro per la Wagyu Australia. Si tratta di una Tomaakw da 1 kg circa. Ci sono anche due secondi di pesce. Qui troviamo baccalà lenticchie e fois fras a 38 euro e un’ombrina alla plancia a 34 euro.

Anche le sezioni di contorni e dolci sono molto ampi. Per i primi troviamo a 7 euro prodotto come insalate, patate e verdure, a 10 euro troviamo la cruditè di verdure in pinzimonio. Nei dessert si parte da un minimo di 8 euro con tiramisù, creme brulè, sorbetto al limone o litch. Fino ad arrivare ai 14 euro con i loro gelati con vari gusti a disposizione. Il coperto è di 5 euro.

L’extra Menù del Botinero di Zanetti

Come detto, questo menù proposto solo per i convenzionati e solo per il pranzo. Partiamo dai primi dove sono 5 le proposte. Con 12 euro possiamo scegliere tra gli spaghetti, risotto con asparagi e trenette. I fusilli avellinesi hanno un costo di 14 euro. Con 16 euro possiamo gustare le orecchiette con ragù fatto da salsiccia, zafferano e provolone.

5 sono anche i secondi piatti. Qui troviamo a 12 euro bresaola rucola e grana, a 14 euro prosciutto di Parma e melone. Mentre a 16 euro una cotoletta di pollo alla milanese con patate. La sezione si chiude con tagliata di angus o galletto alla piastra a 18 euro. Possibilità di scelta anche per le insalate. A 12 euro abbiamo la caprese di bufala o l’insalata di tonno mentre a 14 euro troviamo la Caesar Salad.

Chiudiamo con i dessert dove anche qui abbiamo 5 scelte. Con 5 euro possiamo prendere la creme brulè. A 6 euro possiamo dividerci tra tiramisù, tagliata di ananas e i loro gelati. Con 10 euro possiamo prendere la macedonia con gelato.