Gomme invernali, arriva l’obbligo: rischio multa da 355 euro, le alternative

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Dal 15 novembre partirà l’obbligo per le gomme invernali. Chi non rispetta questo obbligo potrà incappare in una multa. Vediamo i dettagli della sanzione e quali sono le alternative.

Tra le spese che molte persone saranno obbligate a sostenere c’è anche quella del cambio gomma. Con i mesi invernali, le temperature basse e le condizioni atmosferiche avverse, certi pneumatici non vanno bene. Per questo motivo, dal 15 novembre scatterà l’obbligo delle gomme invernali.

Gomme invernali
Fonte foto: Adobe Stock

Pioggia, neve e strade ghiacciate rappresentano un pericolo per gli automobilisti. Oltre a mantenere una velocità in linea con il Codice della Strada, va effettuato il passaggio alle gomme invernali. Così da permettere la giusta sicurezza sia per se stessi che per gli altri. Chi non rispetta l’obbligo incappa in delle sanzioni che non sono proprio basse.

Come avvenuto negli scorsi anni, il passaggio a queste gomme va effettuato dal 15 novembre. Tale obbligo avrà durata fino al 15 aprile 2023. Per gli automobilisti che non rispetteranno tale norma ci sarà, come detto in precedenza, una sanzione che può variare in base alla situazione. Vediamo, dunque, i dettagli di questo passaggio obbligatorio e le possibili alternative alle gomme invernali.

Gomme invernali, sta per scattare l’obbligo: possibili multe e alternative ai pneumatici

Partiamo con il dire che è compito del guidatore conoscere se nel suo territorio è previsto o meno l’obbligo. Nel testo normativo, infatti, si precisa che il proprietario della strada deve dare vita o meno all’ordinanza di riferimento. Al di là dell’obbligo, questi pneumatici possono essere installati dal 15 ottobre fino al 15 maggio.

In caso di obbligo non rispettato, scattano le sanzioni. Si va da una multa da 1 a 168 euro in caso di centro abitato. Aumenta da 84 a 335 euro in caso di autostrade e strade extraurbane. Il fermo del veicolo si registra fino alla messa in regola. Se il soggetto multato si ripresenta nelle stesse condizioni scatta la perdita di 3 punti sulla patente oltre la multa.

Le gomme di riferimento sono segnalate da sigle come M+S, MS, M/S, M&S. Le lettere stanno per “mud and snow“. questi pneumatici sono costruiti per permettere una guida sicura in caso di condizioni atmosferiche difficili. Ci sono vari prodotti in questo settore e i prezzi variano in base alla qualità costruttiva e al marchio. Il prezzo parte da 50 euro e può arrivare a toccare anche i 200 euro.

Per i guidatori che non possono sostenere questo netto cambio, il Codice della Strada permette di montare le gomme per tutte le stagioni, le “all season“. Questi pneumatici sono validi in qualsiasi momento dell’anno. Secondo quanto riferito dai costruttori vanno bene sia in condizione di caldo che di freddo. Un discorso che riguarda sia il meteo che l’asfalto. Un’altra alternativa sono le catene. Il Codice della Strada permette la circolazione con questo prodotto. Queste si possono tenere a bordo ed esibirle alle autorità quando richieste. Il montaggio va effettuato se le condizioni meteo lo richiede.