Allergeni degli alimenti: tutto quello che devi sapere per evitare rischi

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo
Allergeni
Fonte foto canta

Milioni di italiani hanno allergie alimentari e possono sperimentare reazioni avverse a prodotti che contengono appunto allergeni alimentari. Scopriamo insieme tutti i segreti sui principali allergeni alimentari.

La maggior parte delle reazioni causa sintomi lievi, ma alcune sono gravi e possono anche essere pericolose per la vita. Sebbene siano in fase di sviluppo nuovi trattamenti , non esiste una cura per le allergie alimentari.

Allergeni fonte adobe stock
Allergeni fonte adobe stock

La diagnosi medica per scoprire quali alimenti causano una reazione allergica in un individuo ed evitare rigorosamente quegli alimenti rappresenta un percorso importante per prevenire gravi effetti negativi sulla salute.

Sebbene molti alimenti diversi possano causare reazioni allergiche, il nostro Ministero della Salute identifica gli otto alimenti allergenici più comuni. Questi principali allergeni alimentari costituiscono il 90% delle reazioni allergiche alimentari nel nostro Paese.

  • Latte
  • Uova
  • Pesce (p. es. spigola, passera, merluzzo)
  • Crostacei (p. es., granchio, aragosta, gambero)
  • Frutta a guscio (p. es., mandorle, noci, noci pecan)
  • Arachidi
  • Grano
  • Soia

Il Ministero della Salute, di concerto con l’Oms, parla di etichettatura degli alimenti regolamentati, che includono tutti gli alimenti tranne il pollame, la maggior parte delle carni, alcuni prodotti a base di uova e la maggior parte delle bevande alcoliche (tutte regolate da altre agenzie federali).

Allergeni alimenti: tutte le normative vigenti

Viene richiesto che le etichette alimentari identifichino chiaramente i nomi delle fonti alimentari di qualsiasi ingrediente che sia uno degli otto principali allergeni alimentari o che contenga proteine ​​derivate da un importante allergene alimentare. Una corretta etichettatura degli alimenti aiuta i consumatori allergici a identificare gli alimenti o gli ingredienti che dovrebbero evitare.

Le normative vigenti in fatto di salute alimentare, impongono che le etichette degli alimenti identifichino i nomi delle fonti alimentari di tutti i principali allergeni alimentari utilizzati per produrre il cibo.

Questo requisito è soddisfatto se il nome comune o abituale di un ingrediente (ad es. latticello) che è un importante allergene alimentare identifica già il nome della fonte alimentare di quell’allergene (ad es. latte). In caso contrario, il nome della fonte alimentare dell’allergene deve essere dichiarato almeno una volta sull’etichetta dell’alimento.

Se sei allergico a un alimento che hai mangiato, potresti manifestare una varietà di sintomi. Questi sintomi non sono sempre presenti o uguali per ogni persona o reazione e possono variare a seconda del numero di attori, inclusa la quantità di allergene alimentare consumato.

Se sei allergico a un alimento che hai mangiato, i sintomi possono comparire da pochi minuti a poche ore.

I sintomi di allergie alimentari (reazioni allergiche), possono includere:

  • Orticaria
  • Pelle arrossata o eruzione cutanea
  • Sensazione di formicolio o prurito in bocca
  • Gonfiore del viso, della lingua o delle labbra
  • Vomito e/o diarrea
  • Crampi addominali
  • Tosse o respiro sibilante
  • Vertigini e/o vertigini
  • Gonfiore della gola e delle corde vocali
  • Respirazione difficoltosa
  • Perdita di conoscenza