Espulsione solare in arrivo verso la terra: c’è davvero qualcosa da temere?

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Nelle prossime ore, gli esperti, prevedono il verificarsi di un fenomeno che non passerà inosservato. Una espulsione solare colpirà la terra. Solo i termini che abbiamo appena citato indurrebbero a pensieri negativi. Proviamo a capirci di più.

Le espulsioni di massa coronale (CME) sono grandi espulsioni di plasma e campo magnetico dall’atmosfera solare, la corona.

cme

Rispetto ai brillamenti solari – esplosioni di radiazioni elettromagnetiche che viaggiano alla velocità della luce, raggiungendo la Terra in poco più di 8 minuti – le CME viaggiano a un ritmo più lento, relativamente parlando. A proposito conosci esattamente cosa è una tempesta solare e cosa provoca?

Alla loro velocità massima di quasi 1.900 miglia al secondo (3.000 chilometri al secondo), le CME possono raggiungere la Terra in circa 15-18 ore mentre le CME più lente che viaggiano a circa 155 mi/s (250 km/s) possono impiegare diversi giorni per arrivare. Questa è la teoria attendibile degli esperti dello Space Weather Prediction Center della National Oceanic and Atmospheric Administration. (NOAA).

Questi tempi di percorrenza relativamente più lenti, sono utili in quanto ci danno più tempo per prepararci a un tale arrivo.

Le CME possono devastare reti elettriche, reti di telecomunicazioni e satelliti in orbita ed esporre gli astronauti a pericolose dosi di radiazioni. 

Ma nello stesso tempo, i CME sono un gradito visitatore per gli osservatori del cielo di tutto il mondo in quanto possono attivare impressionanti visualizzazioni di aurore visibili a latitudini oltre la loro “normale” gamma polare.

Le espulsioni di massa coronale si formano in modo simile ai brillamenti solari, il risultato della torsione e del riallineamento del campo magnetico solare, noto come riconnessione magnetica, secondo NOAA. 

Cme, espulsioni solari: dobbiamo davvero avere paura?

Quando le linee del campo magnetico si “aggrovigliano” producono forti campi magnetici localizzati che possono sfondare la superficie del sole nelle regioni attive, generando successivamente CME.

Le CME di solito si verificano attorno a gruppi di macchie solari e sono spesso accompagnate da un’eruzione solare, sebbene i due casi non si verifichino sempre in tandem.

In effetti, gli scienziati non sono ancora del tutto sicuri di come i due eventi siano correlati, questo almeno secondo i recenti studi del Center for Science Education della University Corporation for Atmospheric Research (UCAR).

Le CME, come i brillamenti solari, sono più comuni durante il massimo solare, un periodo del ciclo di attività di 11 anni del sole in cui la stella è più attiva.

Le CME più grandi possono raggiungere una dimensione che comprende quasi un quarto dello spazio tra la Terra.

Se una CME è abbastanza grande e viaggia più velocemente del vento solare, genera un’onda d’urto per cui le particelle cariche accelerate viaggiano davanti alla CME, disturbando ulteriormente le condizioni meteorologiche spaziali e intensificando le tempeste geomagnetiche.