Forum, ex giudice presente all’orrore di Assago: situazione da film horror

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Il Carrefour di Assago è stato scenario di un evento drammatico. Tra i testimoni della vicenda anche un volto noto di Forum. L’ex giudice ha descritto lo scenario come un film dell’orrore.

Dentro il centro commerciale Milanofiori di Assago si sono verificate scene davvero drammatiche. Al Carrefour c’è stata una pesantissima aggressione che ha coinvolto alcune persone. Un gesto che ha innescato panico e ansia in tutti i presenti. Scene che, per i presenti, sono impossibile da dimenticare.

Forum, Assago
Fonte foto: Screen Tv

Nel tardo pomeriggio di giovedì 27 ottobre, si sono verificate delle autentiche scene del terrore al centro commerciale di Assago. Nella circostanza un uomo di 46 anni incensurato ha iniziato a colpire con un coltello preso da uno scaffale. Da quanto si apprende dal web 6 sono le persone coinvolte.

Tra le persone coinvolte anche un cassiere di 30 anni che ha perso la vita durante il suo orario di lavoro. Tra i feriti anche un noto calciatore di Serie A che è stato trasportato in ospedale. A fare luce sulle scene avvenute nel centro commerciale ci ha pensato Beatrice Dalia, ex giudice di Forum, a Fanpage. Le sue parole chiariscono ulteriormente il quadro.

Beatrice Dalia, ex di Forum, il racconto dell’orrore di Assago: clima di terrore


Le scene che si sono verificate nel centro commerciale di Assago hanno lasciato un segno profondissimo. A Fanpage ha raccontato di come sia uscita correndo verso il Carrefour. Mentre correva, vedeva le saracinesche dei negozi chiudersi mentre mandavano via i clienti. Sua figlia e sua nipote erano vicine e lei pensava a loro.

L’ex giudice di Forum ha sottolineato che all’inizio pensava ad una scolaresca. Poco dopo, però, si è resa conto dell’orrore per la gente che gridava e correva. Una fila di persone completamente spaventata che scappava. Inoltre, inizialmente, girava la voce che l’uomo fosse armato di pistola. Successivamente, dagli altoparlanti hanno chiesto aiuto medico. Dalla serenità e tranquillità iniziale si è passati rapidamente alla paura e alla fuga. Come, sottolinea Beatrice Dalia, si fosse in un film horror.

La giornalista ha dato spazio ad un altro pensiero tramite i social. Ha svelato che loro sono passate fuori al supermercato poco prima. Cosa che ha portato lei, sua figlia e sua nipote a vivere ansia e panico. Racconta di come avrebbe potuto essere lì dentro perché aveva l’idea di fare degli acquisti. Non può, dice, non pensare che avrebbe potuto essere lì dentro, come avrebbero potuto essere lì sia sua figlia che sua nipote. Tale situazione che le ha messo un peso sul cuore. Peso derivato dal fatto che è difficile prendersi cura dei più fragili. Gli stessi, scrive, che “diventano ‘mostri“.

Chiude il lungo messaggio con il fatto di essere pervasa da una fortissima tristezza. Dunque, sia per lei che per tutti gli altri presenti le scene vissute saranno per sempre con loro.