Chiave rotta nella serratura, come fare senza l’intervento di un fabbro?

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Può capitare, nell’uso frequente della porta, che la chiave si rompa. Una situazione che richiede sempre l’intervento di un fabbro. Ci sono dei metodi, però, che possono fare al caso nostro. Ecco come fare in caso di chiave rotta.

In alcune circostanze, la nostra serratura può dare particolare noia. Quando si aprono e chiudono spesso le porte, la chiave può rompersi all’interno. Scenario abbastanza comune quando la serratura da problemi e bisogna forzare. Molto spesso ci si rifà ad un fabbro ma ci possono essere momenti in cui è possibile fare da soli.

Chiave rotta
Fonte foto: Adobe Stock

Quando ci troviamo ad aprire o chiudere una porta dobbiamo stare attenti. Una chiave rotta può palesarsi in qualsiasi momento. Anche, per esempio, se si fa troppa pressione perché non ci si è accorti di averla inserita in maniera sbagliata. Insomma, possono essere tanti gli scenari che portano in luce una situazione che potrebbe essere dispendiosa dal punto di vista economico.

Molto spesso, quando si rompe la chiave questa tende a rimanere all’interno della serratura. La sua rimozione avviene in maniera più semplice se c’è una parte sporgente. Per questo motivo, si fa riferimento alla figura del fabbro. Come detto, però, ci sono delle situazioni che possiamo gestire da soli. Ecco quali sono.

Come rimuovere una chiave rotta dalla serratura?

Se chiave rotta presenta una sporgenza, allora, si può agire iniettando una siringa con all’interno dell’olio d’oliva. Successivamente si potrà estrarre la chiave tramite una pinzetta che si usa per le sopracciglia. Diverso il discorso che la chiave rotta non presenta nessuna sporgenza.

In caso non ci fosse nessuna sporgenza, la soluzione migliore resta la chiamata del fabbro. Ad esempio, si potrebbe attaccare la chiave rotta con una colla potente. In alternativa, l’estrazione potrebbe avvenire tramite un grande magnete. Queste due soluzioni, però, non sono assolutamente efficaci e possono anche peggiorare lo scenario.

In aggiunta, se la rottura è stata causata da una serratura che dava problemi allora la chiamata al fabbro diventa un passaggio fondamentale. Questo perché è importante che avvenga la sostituzione del cilindro. Questa operazione, però, presenta dei costi decisamente contenuti. Anche perché, avendo una serratura difettosa, il problema potrebbe ripresentarsi. Anche prestando particolarmente attenzione.

Dunque, ci sono due scenari da considerare: rottura con sporgenza e senza. Se nella prima possiamo in qualche modo fare da soli, nella seconda situazione le soluzioni non sono molto utili. La chiamata al fabbro, quindi, diventa obbligatoria. Infine, se la serratura presenta problemi, non possiamo fare molto. Dunque, si può agire anche in questo caso autonomamente anche se, nella maggior parte dei casi, il fabbro è presenza richiesta.