Ucciso mentre era a caccia, tragedia improvvisa nel mondo dell’impreditoria

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Un nome illustre nel mondo dell’imprenditoria e degli affari è stato ucciso mentre era a caccia. La tragedia si è verificata qualche ora fa e ha lasciato tutti increduli: ecco che cosa è successo.

Il tragico destino si è abbattuto su uno dei più grandi appassionati di caccia. Proprio la sua passione è stata letale. L’uomo è venuto a mancare a causa di un bufalo che l’ha attaccato dopo aver subito un colpo. Non c’è stato niente da fare. La notizia della tragedia ha fatto il giro del mondo in pochi minuti, dove in molti hanno voluto commentare l’episodio.

lutto nella caccia
fonte foto: AdobeStock

Nelle ultime ore sta facendo il giro del web la notizia della morte di Mario Alberto Canales Najjar, noto cacciatore di origine messicana. È venuto a mancare tragicamente dopo essere stato attaccato in modo improvviso brutale da un bufalo in una zona rurale di Gualeguaychú, città che si trova a Entre Ríos, nell’Argentina orientale. Aveva 64 anni.

L’uomo, che era anche il presidente della Federcaccia messicana, è morto nella giornata di venerdì 14 ottobre, come su legge sul portale FanPage. I fatti sono accaduti mentre era nel campo di Punta Caballo, situato sulla costa meridionale dell’Uruguay. Najjar si era concesso un po’ di tempo per andare a caccia con tre amici. Ma le ferite riportate non gli hanno lasciato scampo.

Presidente Federcaccia aggredito e ucciso da un bufalo: tragedia durante la caccia

Secondo i media locali, Mario Alberto Canales Najjar ha sparato al bufalo almeno cinque volte a distanza ravvicinata con il suo fucile calibro 408. L’animale non è crollato a terra ma ha reagito. Si è avvicinato a lui e lo ha caricato con la testa. È stato soccorso dal resto del gruppo in modo tempestivo. Ma a causa dell’inaccessibilità del luogo, l’accesso dell’ambulanza è stato difficoltoso. Quindi, hanno dovuto trasportarlo in un furgone privato.

Nel frattempo, le autorità della Procura di Entre Ríos stanno indagando se l’uomo ed i suoi amici disponessero della documentazione adeguata per praticare la caccia al bufalo nel campo di Punta Caballo. Secondo fonti locali, Canales Najjar e i suoi amici avrebbero pagato 500 dollari per il permesso per un’intera giornata.

Mario Alberto Canales Najjar, chi è?

presidente federcaccia
fonte foto: Twitter

In merito a Mario Alberto Canales Najjar sappiamo che ricopriva il posto di presidente del Consiglio di amministrazione della Federazione messicana di caccia e tiro AC. E anche vicepresidente dell’organizzazione United for a Sustainable Management of Our Biodiversity. Si è formato come avvocato presso l’Università Autonoma del Messico.

Era stato anche consigliere rappresentativo del settore sociale del National Wildlife Council (CONAVIS). Nel mondo della caccia è stato membro di organizzazioni internazionali come l’Ovis Grand Slam Club e il Safari Club International. Quest’ultima è un’organizzazione americana dedita alla difesa della caccia.