Televisore, quanto consuma se acceso tutto il giorno? I dati da considerare

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Tanti sono gli accorgimenti per risparmiare in bolletta. Tra gli elettrodomestici che consumano di più ci può essere il televisore. Soprattutto se acceso tutto il giorno. Vediamo il suo consumo.

I continui aumenti dei costi energetici continuano a preoccupare. I consumatori, quindi, decidono di mettere in atto delle proprie politiche di risparmio. Politiche dove, ad esempio, gli sprechi non hanno alcun minimo spazio. Così che si possa contenere le spese che riguardano questo ambito.

Televisore acceso
Fonte foto: Adobe Stock

Stare a casa e contenere i costi non è facile. Gli elettrodomestici che consuma sono vari e possono mettere in difficoltà il diretto interessato. Ci sono apparecchi, infatti, che consuma davvero tanto e portano ad aumentare, in maniera inevitabile, la cifra in bolletta. Tra questi c’è sicuramente il televisore, a maggior ragione se questo dispositivo è sempre acceso.

Rimanendo in tema di dispositivi, tanti si chiedono quali siano gli elettrodomestici che incidono sulla bolletta. La domanda, vedendo l’attuale periodo storico, sorge spontanea e palesa una certa difficoltà di molti. Tra questi dispositivi c’è il televisore. Non è inusuale averla acceso tutto il giorno, specialmente se si fa un lavoro da casa. Ma anche questa può avere il suo impatto in termini di costi e consumi. Vediamo tutte le informazioni utili in questo caso.

Quanto consuma il televisore se acceso tutto il giorno?

Come possiamo immaginare, dire una cifre non è affatto facile dato che ci sono tantissimi modelli e le classe energetiche degli stabilimenti possono variare. Di certo, si può fare una media che si collegano ai nostri dispositivi.

Come riportato dal sito Money.com, già una prima differenza possiamo farla tra i modelli LCD con quelli LED. I primi, infatti, risultano decisamente più dispendiosi. Successivamente, bisogna considerare la grandezza dell’apparecchio. Più sarà grande e più ci sarà il consumo energetico. Un LCD da 32” consuma tra i 90 e il 130 Watt mentre un 37 pollici arriva a 150 Watt. Mentre un LCD da 40 pollici arriva a 175 Watt.

Come detto, il discorso cambia se abbiamo una TV a LED. Con uno schermo da 40 pollici il consumo è di 95 Watt. Questi sono alcuni esempi ma il mondo dei televisori ha uno spetto molto ampio di azione. Si parte da 50 Watt e si può arrivare a toccare i 600 Watt. Il costo medio, dunque, è di 0,25 euro/kWh. Il calcolo sarà legato alle nostre attività di consumo. Alla fine, quindi, il problema è quante ore abbiamo acceso tale dispositivo.

Da questa analisi, l’unico modo per risparmiare sulla Tv è quella di scegliere un modello che non sia LCD. Un televisore con questo pannello porta ad aumentare di molto il prezzo in bolletta. Un’altra strada da attenzione è la luce in stand-by. A molti può apparire un consumo minimo ma questa consuma ben 72 Watt al giorno. In questo caso, possiamo staccare il dispositivo con una ciabatta a interruttore.