Assicurazione auto, come risparmiare in caso di incidenti? Ecco cosa sapere

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

È possibile risparmiare sull’assicurazione auto in caso di incidente? Questa è la domanda che molti automobilisti si pongono. Andiamo a vedere quello che c’è da sapere.

Chi stipula una polizza assicurativa sa che ci sono delle situazioni in cui il premio potrebbe alzarsi in maniera significativa. Le clausole bonus e malus permettono di capire la gestione del veicolo di riferimento. In caso di sinistri, però, c’è un salto importante e che vede un aumento di due classi.

Assicurazione auto
Fonte foto: Adobe Stock

Di solito, quanto si verifica un incidente può scattare la differenza nel premio. Una cifra che può superare anche i 300 euro. Tale rialzo è sicuramente molto significativo e preoccupa, non poco, gli automobilisti. Ma c’è uno scenario che potrebbe permettere di evitare tale aumento. Si tratta del processo chiamato rimborso del sinistro. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Come risparmiare sull’assicurazione auto in caso di incidente? Occhio al rimborso del sinistro

Conoscere tutte le postille di riferimento non è sempre facile. In questo caso, il rimborso del sinistro è una misura non conosciuta da tutti. Partiamo con il dire che l’assicurato, tramite Consap, ha facoltà di rimborsare gli incidenti che rientrano nel discorso del risarcimento diretto. Sono due questi casi: il primo riguarda incidenti che si sono verificati dopo il 1° febbraio 2007, momento in cui è stato dato il via al risarcimento diretto. Il secondo riguarda i sinistri liquidati e contabilizzati interamente e per la quale non ci sono verificato altre partite di danno.

Se questi due scenari rientrato nel rimborso del sinistro, varie situazioni sono tagliate fuori. Ci riferiamo ad incidenti dove RC auto ha la franchigia a tariffa fissa. Oppure se ci sono collisioni con protagonisti oltre due veicolo. Ancora, se un sinistro è accaduto all’estero o se l’agenzia assicurativa non ha aderito alla Card. Quest’ultima è una convezione che permette il risarcimento diretto.

Se rientrate nei casi a cui è possibile concedere il rimborso, allora il primo passo da muovere è verso la Consap. Una volta fatto questo, se il contraente della polizza nota una certa convenienza nel rimborso allora verserà la cifra alla Stanza di compensazione. Attualmente, la somma può essere fornita solo tramite bonifico bancario. Tra qualche tempo, però, si potrà fare affidamento anche su PagoPa.

Dopo l’avvenuto pagamento, sarà la Consap a rilasciare un attestato in merito. Importante ricordare che, anche in caso di delega, bisogna avere un singolo sinistro Card.

La documentazione per fare richiesta di rimborso

Per avere accesso al rimborso del sinistro, bisogna fornire la giusta documentazione. Le informazioni da divulgare sono: data del sinistro; targa danneggiato e responsabile; agenzia assicurativa dei due soggetti in causa; dati anagrafici del contraente della polizza del responsabile. Il modulo, poi, può essere inviato tramite portale oppure per posta all’indirizzo Consap Spa, Servizio Stanza di compensazione, Via Yser 14 – 00198 – Roma.

Dopo le dovute verifiche, come detto, la Consap darà via al rimborso. L’esito verrà diffuso o tramite e-mail, se la domanda è stata fatta tramite internet, oppure tramite posta con una lettera riservata.