Reverse factoring, uno strumento importante per le aziende: ecco di cosa si tratta

Le aziende sono sempre più in difficoltà dal punto di vista economico. In caso di debiti o crediti si può fare riferimento al reverse factoring. Vediamo insieme di cosa si tratta e come funziona.

Le imprese stanno vivendo un periodo di assoluta difficoltà. L’attuale momento storico ha messo tante aziende in ginocchio. Proprio per questo motivo, è nata una strategia che va nella direzione opposta del factoring tradizionale. Questo permette alle aziende debitrici di fare affidamento ad un factor che gestisca al meglio le proprie finanze.

Reverse Factoring
Fonte foto: Adobe Stock

Il reverse factoring permette una gestione di crediti e debiti migliore rispetto al passato. Le aziende, approcciando a tale strumento, hanno la possibilità di controllare meglio le loro risorse così da favorire anche il recupero dei crediti che sono sorti nel tempo. Cosa che gli dà la possibilità di avere un maggiore respiro e meno pressione.

In pratica, il reverse factoring permette la cessione del debitore della gestione dell’ambito dei fornitori ad un factor, spesso una banca. Questo strumento fa capo alle grandi aziende che hanno un alto merito creditizio. Inoltre si fa uso di innovative strutture digitali. Cosa che permette un’ottima soluzione sia a loro che ai piccoli fornitori. Ma vediamo insieme le differenze tra questo metodo e quello tradizionale.

Reverse factoring, come funziona e quali sono le differenze: i dettagli

Per spiegare la funzione del reverse factoring vanno sottolineate le differenze con quello tradizionale. Chi sceglie il factoring, infatti, lo fa cedendo ad un ente specifico i crediti che sono derivati nel tempo. Nella maniera tradizionale, la cessione permette alla banca di anticipare prima di ricevere il pagamento del debitore. Così, il fornitore avrà a disposizione una più alta liquidità.

Nel reverse factoring, rovescia completamente questa logica. In questo contesto, chi si rivolge al factor è il debitore. Per avere accesso al reverse, come specificato in precedenza, bisogna avere meriti creditizi alti. Cosa che permette alla banca che si fa carico dell’operazione di avere delle importanti garanzie di solvibilità.

In sostanza, tutta la macchina si mette in moto grazie alle garanzie che il debitore fornisce. Solo con queste, la banca può mettere in atto una certa liquidità. Cosa che, come detto in precedenza, non solo da una mano all’azienda ma anche al fornitore. Una soluzione importante e che permette anche all’altra parte in causa di poter fare affidamento su una soluzione senza dubbio interessante.

Dopo che la banca avrà fornito il suo anticipo, sarà poi al richiedente estinguere il credito ottenuto. Insomma, una misura che mette in atto un serio aiuto e che può essere sfruttata da varie aziende in questo momento.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, pensioni, bonus, invalidità - 104 e news