Lutto nel mondo del calcio, morto il campione: ha fatto la storia dello sport

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

In queste ultime ore, il mondo del calcio si è trovato a vivere un lutto importante. È venuto a mancare un grande campione che ha fatto la storia di questo sport: ecco di chi si tratta.

È una triste notizia per il panorama sportivo nazionale, visto che è venuta a mancare una figura storia per il gioco del calcio. Proprio poche ore fa è stata data la notizia della triste dipartita di uno dei nomi più illustri di questo sport. Un campione che è riuscito a dare impulso e risonanza. Un vero pilastro per l’Inter.

lutto calcio
fonte foto: AdobeStock

È venuto a mancare all’improvviso Bruno Bolchi, un grande campione che ha scritto pagine importanti della storia del calcio nazionale. L’ex calciatore e allenatore aveva 82 anni ed è morto nella serata di martedì 27 settembre a Firenze. In tantissimi hanno voluto ricordarlo sui social con un post ed un messaggio.

Secondo quanto è stato riferito, ‘Maciste’ – come era chiamato per la sua prestanza fisica – era ricoverato da qualche tempo alla clinica Villa Donatello dopo che le sue condizioni di salute si erano aggravate. Come si legge su Virgilio.it, qualche anno fa aveva vinto la sua battaglia contro un tumore al rene. Ma questa volta non c’è stato nulla da fare.

Lutto nel calcio, morto Bruno Bolchi: ecco perché lo chiamano ‘Maciste’

Bruno Bolchi
fonte foto: Ansa

Tante sono le pagine memorabile dello sport che ha scritto Bruno Bolchi. Basti pensare che ha allenato nel corso della sua carriera da tecnico oltre 20 squadre. Ma più di tutti ha fatto la storia dell’Inter, squadra nella quale è stato centrocampista ed allenatore. Un vero e proprio pilastro dei nerazzuri con i quali esordì a soli 18 anni.

Il soprannome di Maciste è arrivato proprio quando giocava nell’Inter e a chiamarlo così per la prima volta da Gianni Brera che rimase colpito dalla sua prestanza fisica. All’epoca, nel periodo dopo il secondo conflitto mondiale, in pochi erano alti 183 cm e pesavano 83 kg. La maggior parte dei suoi coetanei aveva un fisico più asciutto ed esile.

Un nomignolo che gli portò fortuna e che lo rese famoso ancora di più. Non tutti sanno, ma fu proprio lui il primo calciatore che è apparso sulle figurine Panini. Era il 1961 e lui aveva 21 anni ed era capitano da poco dell’Inter. Una bellissima storia da raccontare.