Pagare il coperto al ristorante è legale? La legge dice così

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Tra le spese al ristorante c’è anche quella del coperto. Una spesa extra che fa storcere il naso e porta molti a chiedere se sia legale o meno. Andiamo a vedere cosa dice la legge.

Quando arriva il conto al nostro tavolo potremmo accorgerci della presenza del coperto. Una spesa extra che indica il fatto di aver consumato del cibo. Molti si confondono con la mancia ma il coperto è ben altra cosa. Questa è una tassa che il ristorante vede come costo del servizio.

Ristorante coperto
Adobe Stock

La Legge ha tantissime sfumature e non tutte sono conosciute. Anche sul coperto molti si dividono se sia legale o meno farlo pagare. Una spesa che, nel 2017, ha fatto decisamente discutere e ha portato all’idea di un decreto contro-coperto. Al momento, però, non ci sono regole fisse ma tutto è legato alla presenza di tale fattore nel menù.

Insomma, anche in questo caso si discute sulla legalità o meno del coperto. Ma cosa dice la legge in merito? Andiamo a scoprire insieme tutte le indicazioni fornite. E, soprattutto, vediamo se il coperto è legale o meno.

Il coperto al ristorante è obbligatorio, perché?

La presenza del coperto è legale perché non ci sono disposizioni che vietano tale aspetto. Così come per la mancia, tutto è gestito in piena autonomia. Per capire meglio la situazione attorno a questa spesa extra dobbiamo far riferimento ad alcune sentenze.

Nel 1995, a Roma, si mise un veto a questo fattore ma ci fu l’obbligo di far pagare il pane e il servizio. Tali fattori, oggi, li ritroviamo proprio sotto la voce coperto. Nel 2006, invece, un’ordinanza regionale ha sentenziato la legalità del coperto. Quindi, si deve pagare appena si riceve il menù. Come indicazione generale, questo è legale quando è presente ed è ben visibile sul menù oppure dentro il ristorante.

Dall’altra parte, non tutti impongono il coperto. La decisione viene presa perché non si incoraggia la mancia. La differenza tra le due voci è che la prima è messa nello scontrino, quindi si lega alla tassazione mentre la seconda no. Inoltre, la mancia è a discrezione del cliente. Quindi, bisogna stare attenti alla differenza tra le due voci.

Il costo del coperto, quindi, è subito visibile e, in genere, va da 1 euro e può arrivare ai 3 euro. Un costo extra che mette in campo tutti i servizi aggiuntivi. Servizi che vanno dal pane fino al lavaggio del tovagliolo che è stato utilizzato. Questa spese serve per pagare il servizio offerto e la pulizia del ristorante. Insomma, questa spesa non è assolutamente nuova e non deve sorprendere. Serve per aiutare il locale ad andare avanti e a sostenere alcune spese. Per questo motivo è del tutto legale.