Quant’è lo stipendio di un poliziotto? Le cifre aggiornate dopo il rinnovo di contratto

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

La Polizia di Stato ha dentro di se tantissime posizioni. Tra vertici e agenti, i poliziotti sono tantissimi. Molti si chiedono quanto guadagna un poliziotto. Scopriamolo insieme.

Gli agenti delle forze dell’ordine sono personalità molto importanti nell’economia di una società. In certe situazioni, la loro vita è in pericolo e tante volte abbiamo visto degli stipendi davvero bassi. A seguito dell’ultimo rinnovo di contratto, i poliziotti hanno avuto un aumento di stipendio abbastanza importante.

Poliziotto
Adobe Stock

L’argomento stipendi bassi tocca tantissimi settori. Nonostante questo rinnovo di contratto, alcuni agenti non sono parsi del tutto soddisfatti. Questo perché si aspettavano cifre più alte rispetto a quelle che poi si sono verificate. Sulla questione stipendi bassi è arrivata anche la proposta di Berlusconi che ha parlato di un aumento pari ad un terzo.

Da come possiamo capire, la promessa è un po’ fine a se stessa dato l’esborso sarebbe molto elevato. Insomma, anche per i poliziotti la situazione è difficile. Per questo motivo, molti si chiedono quanto guadagni un agente. Andiamo a vedere insieme tutte le cifre.

Quanto guadagna un poliziotto?

Molte volte abbiamo sentito di come i poliziotti ricevano uno stipendio molto basso. Secondo quanto riportato da Money.it, dopo il rinnovo di contratto uno stipendio andrebbe a guadagnare 19.000 euro all’anno. Somma calcolata sulle tredici mensilità e che non teine conto di straordinari e altre indennità.

Per fare un rapido calcolo, siamo a circa 1.400 euro al mese lordi. Da questi bisogna sottrarre la quota dell’INPS che per il dipendente è di 8,80%. Il Fondo Crediti che riceve lo 0,35% e la ritenuta Irpef. Tutti questi indicatori danno poi vita alla cifra netta mensile guadagnata dall’agente. In pratica, siamo sui 1.200 euro circa. Tale cifra, però, può aumentare con il tempo e con l’evoluzione della carriera.

Come abbiamo detto, questa cifra non tiene conto di straordinari e altre indennità. Elementi che rientrano inevitabilmente del discorso stipendio. Sia un agente semplice che un commissario capo, quindi i due vertici della piramide, possono vedere il proprio stipendio aumentare in base a quanto si lavora. Qui l’aumento può essere di circa 30/50 euro.

Per le indennità, invece, ci sono varie situazioni da considerare. Abbiamo l’assegno di funzione che ha visto, per alcuni lavoratori, l’aumento a 12 euro all’anno. Questo assegno è una specie di premio per chi ha svolto in maniera idonea la sua professione. Un’altra voce è chiamata Fesi. Tale indicatore è conosciuta come un incentivo per esser stati produttivi. Si tratta di una tantum che viene pagata ogni estate. Molti la legano alla quattordicesima dei privati. Infine, si arriva all’indennità notturna.

Insomma, il ruolo del poliziotto non è semplice e gli stipendi non sono propriamente altissimi. Ci sono delle situazioni che permettono di aumentare lo stipendio. Situazioni che, però, non sempre sono semplici da mettere in pratica.