Tre bonus per le famiglie da non perdere: ottieni fino a 2.500€ per tre anni

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Dal Governo Conte in poi le famiglie italiane hanno potuto contare su numerosi bonus economici, tanto che è diventato difficile stare dietro a tutti.

Non stupisce dunque che siano stati varati due bonus destinate alle famiglie che in pochi conoscono ma che potrebbero dare una grande mano a molti. Scopriamo quindi in cosa consiste l’ultimo provvedimento.

bonus famiglie
Fonte Foto Adobe Stock

Dai bonus per la spesa ai bonus per la ristrutturazione, passando da quelli dedicati ai mezzi di trasporto e all’infanzia sono numerosi i contributi economici destinati agli italiani.

Il capostipite dei bonus è senz’altro quello elargito dal Governo Conte in pieno lock down per contribuire a risanare i bilanci delle famiglie in difficoltà con 600€.

Bonus per le famiglie, occasione da non perdere

Negli ultimi mesi il Governo Draghi ha elargito un aiuto economico di 200€ destinato solo ad alcune categorie di lavoratori a cui si sono recentemente aggiunti gli insegnanti, il contributo viene solitamente elargito direttamente in busta paga, tuttavia alcuni lavoratori hanno dovuto richiederlo direttamente.

Anche le famiglie non sono state lasciate da parte e tra i bonus pensati per loro c’è il bonus spesa da 600€: questo viene elargito attraverso dei buoni spesa fino a un valore massimo di 600€.

La cifra infatti varia da comune a comune e per conoscere termini e requisiti bisognerà quindi fare fede al bando dell’Amministrazione locale del proprio comune d’appartenenza, reperibile anche online sul sito officiale del Comune.

Un altro discorso va poi fatto per le famiglie con figli minori a carico, le quali possono contare sul Maxi Bonus famiglia da 2.500€. Si tratta di un aiuto9 economico che non ha alcun vincolo di reddito, ISEE o patrimonio. Tuttavia vi è un requisito territoriale da rispettare, il bonus è stato infatti pensato per ripopolare le regioni montane ed’è quindi destinato a 20 comuni in provincia di Teramo, 55 di Chieti, 24 di Pescara e 74 in provincia dell’Aquila.

Le domande possono essere presentate solo per i nuovi nati del 2022 o in caso di affido o adozione sempre nel corrente anno solare. Il bonus è erogabile per tre anni di seguito.

Un terzo bonus dedicato alle famiglie viene erogato dall’INPS ai bambini nati o adottati nel 2021 nel caso siano orfani di dipendenti di Poste Italiane SPA, iscritti alla Gestione Postelegrafonici (con regime di trattenuta dello 0,40% ex art.3 Legge n.208/1952) o pensionati del Gruppo Poste Italiane SPA e IPOST.

Si tratta di 640 contributi da 500€, richiedibili seguendo le modalità spiegate nell’apposito bando. Per poter ottenere il contributo è necessario essere iscritti alla banca dall’INPS.