Installa telecamere per il suo gatto: la scoperta è assurda, la vicenda finisce in tribunale

Una donna torinese piazza delle telecamere per il suo gatto. La scoperta, però, ha davvero lasciato senza parole. Ecco l’assurda situazione.

Ci sono delle vicende che possono lasciare davvero senza parole. Soprattutto quando si palese davanti ai nostri occhi qualcosa di davvero e completamente inaspettato. Questo avrà pensato, probabilmente, la donna torinese che aveva installato nella propria abitazione delle telecamere. Lo aveva fatto per controllare il suo gatto mentre era fuori. Le immagini, però, hanno mostrato tutt’altro. La vicenda è diventata di dominio nazionale.

Telecamere
Adobe Stock

Ci sono dei casi che, in modo davvero inaspettato, diventano di dominio pubblico. Questo perché, quando si realizza, lascia tutti senza parole. Si pensi che la donna protagonista delle vicenda aveva deciso di installare delle telecamere per avere sempre la posizione del suo gatto. Nella sua abitazione, però, non è apparso solo il suo fatto ma anche qualcun altro.

Quanto accaduto risale a qualche anno fa, durante proprio il periodo estivo. Impossibilitata a portare con se il suo gatto, la donna torinese voleva avere tutto sotto controllo. Il gatto non era rimasto solo e in balia degli eventi ma era stato affidato ad una vicina che, di tanto in tanto, si prendeva cura dell’animale. Un giorno, però, la scoperta è stata scioccante.

Monta delle telecamere per il suo gatto ma la scoperta è scioccante: becca il suo vicino fare sesso

La donna torinese, come ricostruito da Today, era intenta a controllare il suo gatto. Nel mentre, però, nota qualcosa di davvero incredibile. Nella camera da letto c’erano due uomini che praticavano un rapporto sessuale. La scoperta è ancora maggiore quando ha capito che uno dei due era il suo vicino di casa. Loro due erano non solo nella sua abitazione ma anche nel suo letto.

Dopo qualche attimo di fortissima perplessità, la donna ha registrato tutta la scena. Con la registrazione ha, successivamente, denunciato l’accaduto agli agenti. L’accusa, in merito, è stata di violazione di domicilio. La denuncia non ha riguardato solo i due uomini ma anche alla proprietaria, l’unica che aveva a disposizioni le chiavi.

Il caso non si è ultimato alla denuncia ma è finito in tribunale. In quel caso, la donna ha avuto la volontà di definirsi come parte civile. Cosa che le ha permesso di richiedere un risarcimento danni. Il caso, nonostante sia avvenuto tre anni fa, continua a far discutere nell’incredulità generale. Anche perché, il processo si è aperto solo alcuni giorni fa. Non è la prima volta che quei dispositivi danno alla luce scenari inimmaginabili. Qualche tempo fa, si è parlato di telecamere spia con cui la Cina avrebbe creato un database con le nostre informazioni. Insomma, per quanto riguarda la scoperta della donna torinese vedremo quale sarà l’esito del processo.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo