Pensioni, 600 euro subito e 50 euro in più al mese: ecco per chi

Ci sarebbero in arrivo delle novità molto positive per tantissimi pensionati. Importanti aumenti che riguardano le pensioni. Ecco per chi.

Il tema delle pensioni è sempre molto caldo. Soprattutto per quanto delle mensilità che non permettono neanche di arrivare a fine mese. Per questo motivo, la discussione è sempre più accesa. Cosa che porta a tantissime polemiche. Ora, però, per molti pensionati sembra ci siano delle importanti e positive novità.

Pensioni
Adobe Stock

Come sappiamo, fin dal calcolo delle pensioni l’argomento preoccupa sempre. Specialmente se si parla di una cifra che proprio non soddisfa. In quel momento aumentano paure, tensioni e malumori. Ora, però, come detto sembra che qualcosa stia per cambiare. Si parla di aumenti sul cedolino pensionistico.

Già qualche giorno fa, un argomento che ha fatto molto discutere è stato l’eventuale penalità sulle pensioni anticipate. In questo caso, l’importo ha lasciato tutti spiazzati, cosa che ha portati a feroci discussioni. Ora, però, pare che ci sia pronto un aumento davvero molto importante per tante persone. Una notizia che era attesa da tempo e che pare finalmente arrivata. Andiamo a vedere i dettagli di una svolta che potrebbe far sorridere molti.

Pensioni, dal 2023 50 euro più al mese: tutte le informazioni a riguardo

A quanto pare, sembra che il 2023 sarà molto positivo per i pensionati. Per loro, infatti, ci sarà un aumento di 50 euro al mese sul cedolino. Il motivo di questo aumento è l’effetto della rivalutazione. Per il 2022, ad esempio, la percentuale che è stata presa in considerazione è 1,7%. Mentre per il 2021, l’Istat ha attestato un tasso di inflazione definitivo pari all’1,9%. Cosa che porta la rivalutazione ad avere un impatto definitivo su molte pensioni.

Da come vediamo, la percentuale è superiore in questo caso ed è quella utilizzata in via provvisoria dall’INPS. Ciò comporta che a partire dal 2023, quindi, tanti pensionati potranno vedere il loro importo pensionistico subire un piccolo incremento dettato dalla rivalutazione.

In media, quindi, l’aumento sarà di 50 euro in più al mese. Questo incremento sarà calcolato sul cedolino a partire dal prossimo anno. Inoltre, ad aggiungersi a tale scenario ci sarà un aumento dello 0,2% con conguaglio degli arretrati. Quest’ultimi dovrebbero essere corrisposto in un’unica soluzione a gennaio del prossimo anno. Così da permettere di avere un assegno con una cifra superiore alla solita.

Da come vediamo, pare proprio che ci siano ottime notizie per i pensionati italiani. Come detto, però, tale misura toccherà tantissimi cittadini. Il nuovo anno, dunque, si aprirà con un cospicui “regalo” per quanto riguarda l’assegno pensionistico. Insomma, non resta che attendere tutti gli effetti della rivalutazione. Di certo, molti pensionati sono in attesa di questa svolta. Una soluzione che potrebbe dare ancora maggior respiro e guarda il futuro con uno sguardo diverso.