Bollo auto, quando scatta l’esenzione completa? Ecco tutti i casi

Il bollo auto è una delle tasse che preoccupano gli italiani. Ci sono delle situazioni, però, che permettono la totale esenzione al pagamento. Ecco quali sono.

Tra le tasse che più colpiscono gli italiani c’è il bollo auto. Questa, insieme al canone Rai, è una delle misure ‘meno simpatiche’ in generale. La tassa è sempre stata poco gradita ai cittadini italiani. Ma, come ben sappiamo, questa si deve obbligatoriamente pagare. In alcuni casi, però, il pagamento può venire meno. L’esenzione completa, infatti, scatta in determinate circostanze.

Bollo auto
AdobeStock

Il bollo auto si collega a tutti gli italiani e stranieri che sono in possesso di un veicolo registrato in maniera regolare nel nostro paese. È una misura del tutto obbligatoria e che quindi, in poche circostanze, ci può essere la possibilità di non eseguire il pagamento.

Sappiamo che, chi ha un veicolo definito “green“, ha l’esenzione che arriva ad un massimo di 5 anni. Questi veicoli, però, non sono alla portata di tutti ed è per questo motivo che, in questo caso, è tutto a discrezione della Regione. Inoltre, il bollo auto impone anche la massima attenzione alla scadenza. Le multe possono essere salatissime. In Italia, però, per tutti gli altri veicoli c’è una categoria che ha la totale esenzione dal bollo.

Bollo auto, esenzione totale per individui disabili: i casi

L’esenzione completa dal pagamento del bollo auto è destinato a coloro che sono affetti da disabilità. Oppure da individui che dipendono dal punto di vista finanziario ad un familiare disabile. Un familiare è considerato a carico se non supera la soglia di euro 2.840,51. In questi due casi, l’Italia concede il diritto di non pagare il bollo auto.

In prima battuta, il veicolo deve essere utilizzato per uso esclusivo al portatore di handicap. Per ottenere l’esenzione in base ai sensi della Legge 104, bisogna fornire dovuta domanda agli uffici provinciali dell’ACI o, in alcune regioni all’Agenzia delle Entrate. La domanda deve allegare il verbale della Legge 104. Tale documento certifica, infatti, le condizione della persone interessata alla Legge. Cosa che permette di usufruire dell’esenzioni del caso.

Mentre se la persona disabile è dipendente economicamente da una persona, i familiari possono fare richiesta. Ad una condizione, però. Quella che riguarda il fatto che l’auto sia utilizzata esclusivamente per il portatore di handicap. In sintesi, gli individui che possono richiedere l’esenzione sono: sordi e ciechi; persone con disabilità psicologiche o mentali; persone con infezioni multiple e con gravi limitazioni motorie; persona con scarse capacità motorie.

Se, invece, il soggetto deve essere sottoposto a controlli allora si richiama l’articolo 25, comma 6bis. Questo prevede che all’individuo che attende il riesame si riservano tutti i diritti e le agevolazioni di qualsiasi natura. Tale momento arriva fino alle visite di riesame e al processo dove ci sarà la dovuta verifica.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo