Lutto nel mondo della musica, la terribile perdita: è morta all’improvviso

Lutto nel mondo della musica, la terribile perdita colpisce gli amanti della canzone francese: è morta Regine.

Si è spenta all’età di 92 anni la cantante Régine, a rivelarlo ai media la nipote Daphné Rotcaig con un comunicato all’AFP. La cantante era considerata la regina della notte e con la sua voce armoniosa aveva stupito tutti cantando Azzurro, il brano reso celebre da Adriano Celentano.

lutto morta regine
Fonte Foto Adobe Stock

“La regina della notte se ne va”, Pierre Palmade comico e amico di lunga data  ha annunciato così la scomparsa di Régine che aveva fatto delle sue esibizioni nei locali notturni di Francia e di tutto il mondo il file Rouge della sua carriera.

Trentanni di carriera durante i quali con la sua “Calda e rassicurante sfacciataggine” è riuscita a far ballare le star di tutto il mondo. Dopo i terribili lutti di Aprile 2022, il mondo dello spettacolo è scosso da un’altra triste perdita

Régine è morta, se ne va il simbolo della canzone francese

Dagli appassionati di musica francese Régine era considerata l’ultima rappresentante ‘storica’ della canzone francese. In tutto il mondo sono ben 22 le discotete di proprietà della cantante e la più famosa è forse Chez Régine, vicino alla prestigiosa avenue des Champs-Elysées, a Parigi.

Regine si è spenta all’età di 92 anni il 1 maggio 2022, nata in Belgio il 26 dicembre 1926 come Régine Zylberberg ha dovuto ben presto lasciare la terra natia.

La cantante era infatti figlia di genitori ebrei polacchi e riesci a sfuggire alla deportazione da Aix-en-Provence nel 1941 grazie ad alcuni francesi non ebrei. Una vita lunga quella di Régine, capace di non farsi mai abbattere dalle avversità incontrate sul percorso.

La cantate non si è fatta mancare niente nel corso della sua carriera, arrivando anche a rivestire il ruolo di attrice in una dozzina di film. Tra questi ricordiamo “Jeu de massacres” di Alain Jessua, “Robert et Robert” di Claude Lelouch o “Les ripoux” di Claude Zidi.

Negli anni Sessanta arriva la consacrazione internazionale, riesce infatti a conquistare la Carnegie Hall di New York, diventano di fatto una delle poche donne francesi che sono riuscite a conquistare l’America.

Pensare che l’avventura di Régine nel mondo della musica era arrivata per puro caso, per anni infatti il canto era stato per lei solo un hobby. Cantante e imprenditrice nel 2020 confidò a AFP “La mia più grande gioia sarebbe che ascoltino ancora le mie canzoni tra cinquant’anni”.

Ed’è molto probabile che ciò accadrà, ha infatti dato voce ad alcune delle canzoni più amate della musica francese, come Les petits papiers, La Grande Zoa, Patchouli-chinchilla. La regina della notte si fece notare anche per la sua meravigliosa interpretazione di Azzurro, il brano di Adriano Celentano.