Dormire, come smettere di russare? Ecco alcuni pratici esercizi

Dormire è fondamentale per il nostro status psico-fisico. In certi casi, però, tale attività può essere disturbata dal russare. Ecco alcuni esercizi su come risolvere.

Una delle attività che più può aiutarci è sicuramente quella di dormire. Con l’avvento della primavera, il riposo può anche aumentare. E, soprattutto, non deve mami mancare perché poi le conseguenze si ripercuotono su tutte le altre attività. Dal lavoro fino ad arrivare a quelle di intrattenimento.

Dormire, russare
Fonte immagine: AdobeStock

In certi casi, però, dormire può essere ostacolato dal russare. Questa è un’abitudine che può dare noia non solo a chi ci sta attorno ma anche a noi. Come sappiamo, avere un sonno discontinuo non può che avere un impatto negativo su noi stessi. Cosa che porta a chiedersi sempre più come evitare tale situazione.

Sul sonno, dormire e riposare bene c’è stato uno studio che ha permesso di scoprire alcuni “alleati”. In questo caso, come segnalato dal sito proiezionidiborsa.it, ci sono alcuni pratici esercizi che potrebbero dare una grande mano in tal senso. Esercizi molto semplici da svolgere ma che possono dare un risultato, in un certo senso, garantito. Andiamo a vedere quali sono.

Dormire, 5 esercizi per smettere di russare: semplici e veloci

Il primo esercizio da tenere a mente è quello della gomma da masticare. Una pratica molto semplice e che potrà rubarvi qualche minuti. Prima di andare a dormire, infatti, si deve simulare la masticazione di una gomma. In questo caso, chiudiamo la bocca, con le labbra vicine e proviamo a masticare. Dopo un po’ di pratica, dovremmo tentare di pronunciare la “M” con la bocca chiusa. Tale cosa servirà per dare alla muscolatura posteriore della gola un momento di rilassatezza.

Il secondo esercizio riguarda le vocali. Per dare manforte ai muscoli di bocca e gola, il consiglio è un esercizio di dizione. Pronunciamo, quindi, le 5 vocali in modo esagerato prima di andare a dormire. Da ripetere almeno 2 o 3 volte così da russare di meno.

La terza pratica è quella di cantare mentre ci mettiamo il pigiama. Quindi, cantiamo una delle nostre canzoni preferite. Tale pratica non ci rilassa solo ma permette di rafforzare il palato molle e tutta la zona che è causa del russare.

Gli ultimi due esercizi riguarderanno la zona della lingua e dell’ipofaringe. Il primo consiste di tirare fuori la lingua, il massimo possibile, e respirare profondamente per 10/15 volte. Attenti al posizionamento del corpo, infatti schiena e collo devono essere rilassati. Mentre per l’ipofaringe dobbiamo aiutarci tramite la deglutizione. Dobbiamo farlo con forza e chiudendo la bocca per 10 volte. Per evitare conseguenze spiacevoli possiamo prendere una pausa dall’esercizio di massimo 20 secondi.

Questi sono solo alcuni consigli e non vanno a sostituirsi in alcun modo a diagnosi fatte da esperti e medici. Se c’è un problema serio meglio rivolgersi allo specialista di riferimento senza addentrarsi in trattamenti personali.