Bonus lavatrici 2021, acquisti a metà prezzo: requisiti e come funziona

Bonus lavatrici 2021, come funziona e a quelli benefici porta? Requisiti e cosa c’è da sapere al riguardo nel dettaglio, le info

Bonus lavatrici 2021, acquisti a metà prezzo? Requisiti e come funziona
Lavatrice (fonte foto: bierfritze from Pixabay)

Attenzione sempre molto alta da parte di molti, nei casi in cui si parla di bonus, come nel caso proprio del Bonus mobili ed elettrodomestici, nella cui misura prevista dal Governo rientra il Bonus Lavatrici: ma come funziona, quali sono i requisiti, in quali casi spetti e quali sono i dettagli circa importi e detrazione? Ecco cosa c’è da sapere.

Mediante il Bonus Mobili ed Elettrodomestici, viene data la possibilità di acquistare a metà prezzo, potendo usufruire della detrazione fiscale del 50%, come spiegato da Investireoggi.it.

Come detto, è una misura prevista dal governo, un’agevolazione di cui è possibile usufruire nel caso in cui si effettuasse una ristrutturazione edile. La detrazione Irpef 50%, si legge, si applica al prezzo di acquisto dell’elettrodomestico e può essere utilizzata anche per comprare un modello di lavatrice nuovo e che appartiene alla classe energetica A+.

Investireoggi.it spiega che le spese di trasporto e il montaggio sono oggetto di detrazione fiscale.

Bonus lavatrice 2021 e ristrutturazione: requisiti e condizioni

C’è grande attenzione e cattura la curiosità di molti il bonus lavatrici 2021, che come detto rientra nel Bonus mobili ed elettrodomestici, con tanti che si chiedono cosa serva per potervi accedere, qualora il caso specifico lo preveda.

A darne alcuni dettagli è Investireoggi.it, che spiega che può essere usufruito per gli interventi di ristrutturazione di tipo straordinario, che riguardano appartamenti, villette o mansarde.

Interventi di tipo straordinario, si legge, sono quelli legati alla realizzazione di opere destinate al restauro e risanamento conservativo; oppure di ricostruzione o ripristino di un immobile danneggiato da eventi calamitosi; o ancora di ristrutturazione di un appartamento.

Per quel che riguarda gli importi, si legge che la sopracitata detrazione Irpef 50% viene stabilita mediante calcoli su un tetto massimo di spesa pari ad euro sedicimila, in base a quanto deciso da un provvedimento in Commissione Bilancio.

Dunque, il limite di euro sedicimila si riferisce alla singola unità immobiliare, pertinenze comprese. Nel caso di un acquisto di una lavatrice di 600 euro, la spesa consterebbe dunque in euro 300.

Investireoggi.it spiega che la detrazione è ripartita in dieci quote annuali di pari importo. Condizione per beneficiare della detrazione Irpef 50% è quella secondo cui la data dell’inizio dei lavori inerenti alla ristrutturazione sia antecedente a quella in cui è stato acquistato l’elettrodomestico.

Inoltre, per accedere al bonus, importa è anche la modalità di pagamento, quelle previste sono anzitutto carte di credito o debito, dove – si legge – fa fede il giorno in cui è stata utilizzata la stessa card, oppure bonifico bancario o postale con indicate causale, numero partita IVA o codice fiscale del destinatario del bonifico e cod. fiscale della detrazione.

LEGGI ANCHE >>> Bonus mobili, cosa cambia nel 2022? Meglio richiederlo prima: ecco perché

In ogni caso ed a prescindere da tutto, è opportuno ed importante informarsi presso gli esperti e specialisti del settore e consultare tutte le informazioni specifiche, al fine di poter comprendere maggiori dettagli e seguire le indicazioni precise inerenti a requisiti, adempimenti, condizioni e a quanto necessario eventualmente per accedere al bonus.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo