Facebook, attenzione agli annunci: potrebbero costarci molto caro

Su Facebook sono aumentati gli annunci di offerte di varie catene. Tutte queste, però, non sono reali. Andiamo a vedere nel dettagli a cosa stare attenti.

Facebook, truffe (AdobeStock)
Facebook, truffe (AdobeStock)

Il digitale è terreno di caccia per i malintenzionati. I cybercriminali provano in ogni modo a far cadere in trappola gli utenti. Conosciamo bene la situazione tra phishing e smishing. Insomma, bisogna stare attenti a qualsiasi cosa. Sia comunicazioni che arrivano direttamente sia a sconti incredibili che vediamo sui social.

Ed è quello che sta accadendo su Facebook. Come ben sappiamo, questo è uno dei social più utilizzati al mondo. Proprio sulla piattaforma stanno iniziando a proliferare queste “offerte” con prodotti a prezzi incredibilmente bassi. Tutte le fantomatiche promozioni portano il nome catene importanti. Stiamo parlando di Lidl, MediaMarkt e Amazon.

Stiamo parlando di tanti prodotti venduti a prezzi incredibilmente bassi. Ad esempio Lidl che sponsorizza l’aspirapolvere Dyson V11 a solo 1,95 euro. Oppure MediaMarkt o Amazon vendono uno scooter Xiaomi o Ninebot tra i 2 e 3 euro. Insomma, annunci davvero assurdi.

Naturalmente, nessuna di queste catene mette in promozione tali prodotti. Questa è un’altra strategia dei cybercriminali. Le vittime rischiano davvero grosso. Se un consumatore concede i dati al sito, può perdere circa 30 euro ogni 14 giorni che in un anno diventano circa 900 euro. Andiamo a vedere in che modo riescono a far cadere in inganno gli utenti.

Facebook, attenti agli annunci: i criminali agiscono così

Il mondo digitale ha tantissime trappole, bisogna stare attenti ad ogni nostro click. Le truffe possono avvenire anche tramite annunci fasulli. I cybercriminali tendono a giocarsi la carta della fiducia. Questo avviene quando mostrano un post pieno di commenti positivi. Naturalmente sono account falsi. Ma qualcuno potrebbe cascarci.

Al primo click su Facebook si procede sul sito fasullo della catena di riferimento. La procedura è quella tipica di ogni acquisto online. Inoltre, queste truffe utilizzano anche delle domande a scelta multipla sul prodotto. Cosa che può far innescare la fiducia del cliente ma che, alla prova dei fatti, risultano inutili. Ovviamente, quello che accade dopo ha pesanti conseguenze.

LEGGI ANCHE >>> Allarme Facebook, non cliccate su quel video: potrebbe essere un virus

In caso in cui il malcapitato inserisca i dati della carta ci saranno problemi seri. L’unico modo per arginare questa cosa sarà bloccare la carta e successivamente annullare gli addebiti. E, solo dopo, potrà ricevere il rimborso. Quindi, occhio agli annunci e controllate bene qualsiasi offerta.