Il caffè può salvarti la vita: incredibile la malattia che previene

Uno studio ha evidenziato i vantaggi di consumare da 0,5 a 3 tazze di caffè al giorno. Berlo previene importanti malattie. Ecco cosa devi sapere. 

Caffè (AdobeStock)
Caffè (AdobeStock)

Quanto caffè posso bere al giorno? Se ne bevo più di quattro tazze al giorno, sarà dannoso per la mia salute? Bere il caffè a stomaco vuoto fa male? Queste sono le domande che spesso ci poniamo sul consumo quotidiano di caffeina e sui pro e contro del caffè e sull’impatto sul nostro corpo.

Tuttavia, è chiaro che il consumo di caffè, non eccessivo, non nuoce alla nostra salute. Uno studio presentato dalla Heart and Vascular Centre, in Ungheria, ha stabilito che ha anche importanti benefici per il corretto funzionamento del cuore.

L’autrice dello studio, la dott.ssa Judit Simon, osserva che questa ricerca che ha coinvolto diversi partecipanti rivela gli effetti di questa bevanda: “A nostra conoscenza, questo è il più grande studio per valutare sistematicamente gli effetti cardiovascolari del consumo regolare di caffè – ha detto – in una popolazione senza malattie cardiache diagnosticate”.

Bere tre tazze di caffè al giorno previene l’Ictus

Il caffè è una delle bevande più consumate al mondo, seconda solo al tè e all’acqua. L’assunzione moderata ha molti benefici per il nostro corpo. Tra i più conosciuti, aiuta a concentrarsi e migliora la prontezza mentale. È risaputo che chi deve studiare fino alle prime ore del mattino ricorre alla caffeina per non addormentarsi.

“I nostri risultati suggeriscono che il consumo regolare della benvanda è sicuro – ha detto la dottoressa – poiché anche un’assunzione giornaliera elevata non è stata associata a esiti cardiovascolari avversi e mortalità per tutte le cause dopo 10-15 anni di follow-up”.

Ma qual è la quantità ideale di caffè al giorno? Secondo la dottoressa “da 0,5 a 3 tazze di caffè al giorno contribuiscono a rendere minori i rischi di ictus, ma anche la morte per malattie cardiovascolari e altre cause”.

La ricerca è stata suddivisa in tre gruppi per rendere i risultati dello studio più realistici. Il primo gruppo erano persone che non consumano caffè, in totale, il 22,1% dei partecipanti. Il secondo, consumatori moderati, da 0,5 a 3 tazze, che rappresenta il 58,4%. Ed, infine, il terzo gruppo, più di tre tazze al giorno, il 19,5%.

Per giungere a una conclusione, i ricercatori hanno seguito i partecipanti per 11 anni. Tenendo conto di diversi fattori come l’età, il sesso, malattie come l’ipertensione, il diabete o il colesterolo, nonché l’attività fisica o il consumo di frutta e verdure.

LEGGI ANCHE >>> Quale caffè contiene più caffeina? La risposta ti sorprenderà

In poche parole, il consumo moderato di caffeina è associato a un rischio inferiore del 12% di morire per qualsiasi tipo di causa, del 17% per malattie cardiache e del 21% per ictus.