I trucchi per risparmiare sulle bollette di luce e gas, rimarrai esterrefatto

Il tempo degli annunciati rincari sulle bollette di luce e gas è arrivato:  l’ennesimo colpo di mannaia sulle già scarse risorse del consumatore medio non è certo una notizia da accogliere con salti di gioia.

Bollette luce e gas
Bollette luce e gas

Il Covid ha acuito la crisi finanziaria di molte famiglie. Coloro che un tempo venivano classificati come ceto medio, forti magari di una piccola attività commerciale alle spalle, se pensiamo in particolare alla ristorazione a conduzione familiare, ai bar, oggi devono fare i conti con numeri profondamente diversi. Ma le bollette di casa non “concedono tregua” e sono pronte a minare ulteriormente la nostra serenità quotidiana. Proveremo per tanto a fornirvi dei consigli utili, in quell’indispensabile percorso che è rappresentato dalla corretta gestione dell’economia familiare. Vietato sprecare di questi tempi, nella maniera più assoluta è la parola d’ordine. Educare, poi, i più giovani, al corretto consumo di luce e gas, ci permetterà di sostenere il macigno dei rincari che si sta abbattendo sulle nostre teste.

Aumenti bollette luce e gas: come affrontare “il nemico”

Partiamo dalla corrente elettrica e dall’uso corretto degli elettrodomestici. Cominciamo dall’inevitabile scelta della qualità delle “attrezzature” che abbiamo a disposizione come forno, lavatrice, frigorifero, televisori. Fondamentale è la scelta di elettrodomestici o prodotti classe A. Molte mamme già lo sanno da tempo, molte famiglie seguono già questo percorso, ma è bene ricordarlo. Fare la lavatrice dopo le 19 dal lunedì al venerdì, o adoperarla nei fine settimana consente un sostanzioso risparmio. Stiamo parlando della famosa fascia F3. Se un tempo dovevamo prestare una minima attenzione per questo “stile di vita”, ora siamo di fronte a una conditio sine qua non. In pratica, non abbiamo scelta per vivere sereni ed affrontare la dura battaglia di arrivare a fine mese. Fatture della luce esorbitanti? Meglio evitarle con azioni corrette, frutto di conoscenza finalizzata al risparmio.

Bollette luce e gas: i trucchi per arrivare sereni alla fine del mese

Rateizzare una bolletta esosa non è una soluzione e adesso le aziende, anche per le famiglie, concedono un numero di richieste di rateizzazioni limitate. Meglio evitare di pagare più del dovuto. Un’altra soluzione potrebbe essere quella di togliere i caricatori dei cellulari dalle prese elettriche quando abbiamo finito di ricaricare i nostri cellulari. O ancora adoperare lampadine a LED. La lavastoviglie? Perchè non sciacquare i piatti a mano quando sono pochi, oppure farli accumulare, quelli del pranzo e della cena, dopo aver eliminato i residui di cibo, e avviare il lavaggio solo la sera in momenti in cui è più facile risparmiare? Ricordarsi, se non spegniamo i computer, di avviare la funzione del risparmio energetico mettendoli in stand-by, la maggior parte ne sono dotati.

Le ciabatte con le prese? Se non le usiamo conviene spegnerle, altrimenti continueranno a generare consumo.

Per quanto riguarda il consumo del gas e dei riscaldamenti, sarà fondamentale organizzarsi in casa con un ottimo isolamento termico, magari con infissi in PVC. Questo ci consentirà di non dover accendere i termosifoni in qualunque momento della giornata. I vetri a doppio spessore, dai 6 agli 8 millimetri, consentono una minore penetrazione dell’aria fredda. Un tetto solido, costruito con accorgimenti intelligenti: tutto questo può consentire addirittura di risparmiare fino al 35% sulle fatture del gas.

LEGGI ANCHE >>> Attenzione a questa cattiva abitudine in auto: multe salate in arrivo

Risparmiare sulle bollette: lo stile di vita dei nostri nonni in tempi difficili

Non abbiamo scelta se non quella di tornare allo stile di vita che i nostri nonni ci suggerivano, come spegnere le luci delle camere non utilizzate, o sfruttare la luce del sole per lavorare o fare le faccende domestiche, quando siamo in casa. La doccia? Impossibile non ricordare quando le nonne e le zie, per consumare meno gas, ci consigliavano di chiudere per un secondo l’acqua quando ci insaponavamo da bambini, per poi riaprirla. Oggi che siamo adulti, e che l’economia domestica è un percorso obbligato, perché siamo noi a pagare le bollette, possiamo rammentare quei consigli e comprendere la loro importanza, trasmettendoli alle nuove generazioni.