Vaccino, dopo la prima dose arriva la tragedia: ora sarà sospeso

Una giovane ragazza muore dopo la prima dose di vaccino. Partite le indagini per vedere un’eventuale correlazione con la somministrazione.

Vaccino (AdobeStock)
Vaccino (AdobeStock)

Ancora una volta si ritorna a parlare di una morte a seguito della somministrazione del vaccino. Come ben sappiamo, l’attuale informazione non fa altro che restare sul terreno tra chi si vaccina e chi fermamente non lo fa. Anche la questione Green Pass è sotto gli occhi di tutti con tutte le polemiche del caso.

Il dramma è accaduto in Slovenia e ha visto subire la terribile sorte una ragazza di 20 anni. Un caso che ha sconvolto quella nazione e ha posto, dall’Istituto di salute pubblica in giù, una serie riflessione. La ragazza sarebbe morta, come riportato da Il Messaggero, per emorragia cerebrale e coaguli di sangue pochi giorni dopo aver fatto la prima dose.

Il paese si è subito mosso per capire meglio la vicenda. E lo ha fatto anche grazie al ministro della salute che ha preso una decisione molto importante. Il caso ha portato alla sospensione, in Slovenia, del vaccino che avrebbe causato il tutto.

Vaccino: sospensione vaccino e le conseguenti indagini

Il ministro della salute slovena, Janez Poklukar ha annunciato in una conferenza a Lubiana la richiesta di sospensione del vaccino. Ha così affermato: “Il ministero della salute ha chiesto all’Istituto di salute pubblica di sospendere temporaneamente le vaccinazioni con il vaccino Janssen fino a quando tutti i dettagli relativi a questo caso saranno chiariti”.

Nella decisione, influirà anche il pensiero degli esperti che sono a sostegno del Governo. E anche loro hanno consigliano la sospensione. La conferma è arrivata dal vertice degli esperti, Bojana Beovic che ha sostenuto come ci potrebbe essere una correlazione tra i due eventi.

LEGGI ANCHE >>> Vaccino, 16enne riceve la dose: poco dopo si consuma la tragedia

La tragedia è avvenuta rapidamente. La ragazza, dopo aver fatto Johnson & Johnson, è stata ricoverata lunedì già in condizioni gravi. Purtroppo non c’è stato nulla da fare. Ora sarà compito delle autorità accertare l’effettiva correlazione così da dissolvere qualsiasi tipo di dubbio. In caso di certezza, ci potrebbero essere delle conseguenze sulla produzione e la somministrazione.