Fabio Grosso, lo ricordate ai Mondiali del 2006? Cambiamento sorprendente

Fabio Grosso è uno degli eroi di Berlino 2006. Dopo aver lasciato il calcio giocato, ha deciso di diventare un allenatore.

Fabio Grosso (Getty Images)
Fabio Grosso (Getty Images)

La maggior parte degli italiani è riconoscente a Fabio Grosso per quel Mondiale del 2006. Le sue gesta eroiche lo hanno reso uno dei calciatori più amati della storia del calcio italiano. Ed è sempre ricordato con affetto dai tifosi.

Dalla competizione calcistica più importante al mondo, Grosso faceva coppia fissa con Jessica Repetto, figlia di Giorgio, ex calciatore e attuale dirigente sportivo. Dopo il matrimonio, i due hanno avuto due figli.

Chi è Fabio Grosso? Tutto sull’eroe dei mondiali del 2006

Nato a Roma il 28 novembre 1977, Fabio Grosso è cresciuto e vissuto in Abruzzo. La sua vita è sempre stata dedicata al calcio, lo sport che ha sempre amato, formato e regalato enormi soddisfazioni. Dopo essersi fatto notare tra le file del Renato Curi Angolana, il terzino è passato al Chieti, dove ha iniziato il suo percorso come calciatore professionista.

Il suo talento e le sue doti fisiche hanno spinto il Perugia, club di Serie A, a contattare la dirigenza neroverde e a comprare il cartellino del calciatore che, nell’estate del 2001, passa al club umbro allenato da Serse Cosmi. Grazie a quell’esperienza, Grosso passa prima al Palermo e conquista la maglia azzurra della Nazionale di Calcio allenata da Marcello Lippi.

Dal 2005 diventa un punto fermo della formazione che poi si è andata a giocare la Coppa del Mondo 2006. Il rigore conquistato contro l’Australia, il gol in semifinale contro la Germania e il calcio di rigore che ha portato l’Italia sul tetto del mondo il 9 luglio 2006 lo hanno eletto uno dei calciatori più forti della competizione.

Che fine ha fatto Grosso? Ecco com’è oggi

Dopo il Mondiale, Grosso è passato prima all’Inter e poi al Lyone, concludendo la sua carriera nel 2012 come giocatore della Juventus, dopo aver conquistato lo Scudetto come i bianconeri. Proprio come il club piemontese ha iniziato la sua esperienza come allenatore della squadra giovanile della Juventus Primavera.

Una nuova avventura che lo ha portato ad allenare il Bari, l’Hellas Verona ed il Brescia. Oggi, invece, è a capo dello staff tecnico del Frosinone, squadra laziale che sogna di tornare nella massima competizione sportiva italiana a fine stagione.

LEGGI ANCHE >>> Fabio Caressa: “Azzurri come nel 2006”, a cosa si riferisce?

In questi anni Fabio Grosso è cambiato non solo caratterialmente e professionalmente, ma anche fisicamente. L’ex giocatore ed allenatore oggi ha sempre lo sguardo vispo che lo ha fatto amare nell’estate del 2006. Ma, a differenza di quindici anni fa, l’ex terzino ha i capelli più corti e la barba incolta, come si usa oggi.

Fabio Grosso (Instagram)
Fabio Grosso (Instagram)