Paesi più economici: paradisi terrestri per chi vuole cambiare vita

Quali sono i Paesi più economici dove si potrebbe scegliere di trasferirsi per cambiare vita e cominciarne una nuova? Ecco di cosa si tratta

Paesi più economici: paradisi terrestri per chi vuole cambiare vita
Costa Rica (fonte foto: Adobe Stock)

Spesso, ci possono essere nelle vite delle persone alcuni momenti in cui pensa di poter cambiare e ricominciare da capo altrove; altrettanto spesso ciò non è possibile per diverse ragioni, eppure trasferirsi altrove in post incantevoli e meravigliosi non necessariamente deve essere solo un sogno: i Paesi più economici, ecco quali sono.

Si tratta di una scelta importante che, per l’appunto, cambia la vita, che è quanto meno possibile, se non altro dal punto di vista finanziario. Basti pensare che Forbes stila una classifica con i paesi più economici in cui poter andare a vivere.

Ma quali sono? Eccone alcuni.

I paesi più economici dove potersi trasferire: Costa Rica e Panama

Come si legge su esquire, di certo non manca il Costa Rica tra le località da approfondire e studiare meglio in ottica di un eventuale trasferimento. Un posto molto tranquillo nell‘America Centrale, dove la popolazione si prende cura di sé e la vista ha costo accessibile.

A tal riguardo, anche le spese mediche sono accessibile, e vanno considerati le bellezze del luogo, la cordialità e solarità della gente, le diverse possibilità immobiliari.

Il Costa Rica, per la sua conformazione, offre anche diverse possibilità climatiche: vanno citate ad esempio la capitale San Jose, o le spiagge di Guanacaste, o ancora gli scenari della giunga del sud.

Come si legge su esquire, una persona single potrebbe vivere con circa 1400 euro al mese, ad una coppia potrebbero bastarne anche 1700 con affitto, cibo, intrattenimento, trasporti e altro ancora.

Panama può rappresentare una dolce occasione in caso di una pensione minima soprattutto, a prescindere dall’età, poiché si legge su esquire vi è una legge che tratta di benefici, sconti e sgravi.

Riduzione sulle utenze, sconto su film e spettacoli, o ancora aerei, farmaci, ristorante e altro ancora. Diverse le scelte sono dove si potrebbe andare, va di certo considerata la capitale Panama City, moderna e colorata.

1300 euro al mese dovrebbero bastare per una sola persona.

I paesi più economici dove potersi trasferire: Messico e Colombia

Anche il Messico rientra tra le località più economiche, spesso scelta proprio in virtù del clima temperato, che in inverno fa la fortuna ad esempio di americani e canadesi.

Si tratta di un paese molto grande, con clima diversi e stili di vita che dipendono anche dal posto scelto, così come il costo che è relativo al modo di vivere che si sceglie. 1400 euro al mese o 1700 in coppi può assicurare una vita di esperienze, divertimento ed attività. Gli immobili, il cibo e le cure sono infatti a basso costo.

Altra meta indicata è quella della Colombia, un paese pieno di energia dell’America Latina scelto proprio da molti che decidono di iniziare in tale Paese una vita nuova e diversa.

Il costo della vita è basso e si possono intercettare alcune proposte davvero convenienti.

LEGGI ANCHE >>> Casa e lavoro, occhio al bando regionale che può cambiare la vita

I paesi più economici dove potersi trasferire: Portogallo

Anche il continente Europeo offre delle buone chance per chi stesse riflettendo sul trasferirsi e cambiare vita. Il Portogallo offre tante spiagge meravigliose e alcuni paesaggi naturali davvero incredibili, un basso costo della vita e la sicurezza.

Lisbona, la capitale, conserva bellezza e confort; Porto, la seconda città, è una meta da approfondire, così come lo sono gli altri luigi, come ad esempio L’Alentejo, regione rurale.

Vi sono insomma davvero molteplici possibilità, e sebbene il costo medio della vita sia più alto che in Sud America, resta un’ottima opzione rispetto all’Europea, con valutazioni da approfondire in merito all’esenzione delle tasse legate alla pensioni percepite.

Ogni luogo potrebbe essere potenzialmente quello giusto, sebbene ciascuno abbia contraddizioni e lati negativi, come ovvio che sia. Il tutto dipende da ciò che si cerca e da quanto ci si documenti e ci si informi prima.