INPS, c’è il rischio di perdere la pensione a settembre: il documento verità

Importanti informazioni fornite dall’INPS in merito al cedolino pensioni per agosto 2021: si corre il rischio revoca emolumenti. La tempistica e tutte le info

INPS, pagamenti pensioni revocati? Il documento da presentare necessario
Pensione Inps (AdobeStock)

Quello delle pensioni è un tema che sta ovviamente a cuore agli italiani, che comprensibilmente si informano e si aggiornano su le informazioni riguardante tale tematica: alla voce notizie del portare dell’INPS, alcune nozioni importanti a proposito del cedolino pensioni agosto 2021. Ecco di cosa si tratta.

Come si evince da proezionidiborsa.it, sul sito dell’Istituto di Previdenza Sociale, alla voce notizie, vi sono alcune informazioni relative al tema delle pensioni di agosto 2021. Tutti coloro che non hanno comunicato alcuni dati specifici reddituali, e che ricevono prestazioni legate al reddito, sarebbero esposti al rischio del mancato pagamento delle pensioni.

Un documento da presentare è necessario ma c’è anche tempo per soddisfare tale necessità. Ma a chi riguarda tale provvedimento?

LEGGI ANCHE >>> Inps: i 7 dolori che danno diritto alla pensione di invalidità

INPS pagamenti pensioni: qual è il documento da presentare e chi sono i pensionati interessati

Come si evince dalla sezione notizie presente sul sito Inps, il termine da rispettare per l’invio dei dati reddituale inerenti all’anno 2017 e 2018, per le prestazioni legate al reddito, è quella del 15 settembre.

Tale avviso è mirato a tutti i pensioni che ricevono l’assegno legato ad un limite di reddito in base a quanto è previsto dalla normativa.

Rientrano nel discorso, per citarne alcune, l’assegno di maggiorazione sociale o l’integrazione al trattamento minimo, e il discorso vale tanto per una prestazione legata totalmente che in parte al reddito.

Tutti i pensionati che non hanno comunicato i dati reddituali per gli anni 2017 e 2018, avranno dunque modo di farlo entro il 15 settembre 2021.

Una comunicazione dunque importate per i pensionati, che come viene ricordato dall’INPS, hanno già avuto modo di conoscere tale situazione, essendo stati informativi e sollecitati mediante lettera di raccomandata.

Il rischio della mancata comunicazione dei suddetti dati riguarda la revoca della prestazione per gli anni indicati nell’avviso; discorso simile anche nelle casistiche in cui si avvierà il recupero di quote calcolate indebitamente, qualora queste siano presenti.

LEGGI ANCHE >>> Green Pass, arrivano le truffe: “È come spacciare droga”

Rispetto alle pensioni integrate al minimo per quel che concerne agosto e settembre, la trattenuta INPS è di 14 euro; qualora si parli invece di cifre più alte, la trattena è nella misura del 10% dell’importo.

I contribuenti hanno dunque modo di provvedere, per tempo, occupandosi del cedolino della pensione, onde evitare poi spiacevoli sorprese.

INPS, pagamenti pensioni revocati? Il documento da presentare necessario
Soldi e monete (fonte foto: Pixabay)