Reazione a catena: dopo la vincita arriva il gesto clamoroso

A Reazione a catena, I Tre Ichnos sono riusciti a vincere una bella cifra. Quello che ha fatto sorridere è la reazione di una concorrente al gesto di un compagno di squadra.

Reazione a catena (Screen Rai)
Reazione a catena (Screen Rai)

Nella puntata andata in onda il 30 luglio, si sono sfidati I Tre Ichnos contro i Papillon. Da una parte c’erano Martina, Michela e Sergio mentre dall’altra Luca, Mauro e Davide. I Papillon non sono nuovi al gioco, loro hanno partecipato già nel 2017 ma senza raggiungere la fase finale.

In questa nuova edizione, la novità è il gioco della Zot. Questo permette di avere del tempo extra al gioco dell’intesa vincente. In questo caso bisognava trovare la parola in comune tra Commercio e Riordinare. I Tre Ichnos hanno subito detto Camera così si sono aggiudicati i 10 secondi in più.

Così all’intesa vincente si sono presentati da favoriti. Hanno iniziato loro, collezionando ben 11 parole. I Papillon non si sono arresi, hanno tentato il tutto per tutto ma purtroppo, per loro, non c’è stato nulla da fare. Sono riusciti ad indovinare solo una parola e per questo non hanno avuto accesso al gioco finale.

Reazione a catena: il gesto clamoroso di Michela

Così i Tre Ichnos si sono presentati al gioco finale. Sono partiti da una somma di 98 mila euro per poi arrivare all’ultima parola con una cifra di 12.250 euro. Che hanno ulteriormente dimezzato per scoprire il terzo elemento.

Le parole scoperte erano Punto e Interno, con la parola da indovinare che aveva le iniziali e la finale ‘No – O’. I tre concorrenti hanno subito detto Nocciolo e dopo qualche istante, Marco Liorni ha annunciato la loro vittoria. Così hanno conquistato 6.125 euro.

LEGGI ANCHE >>> Reazione a catena, Marco Liorni avverte tutti: “Non fatelo a casa”

Sono partite le esultanze quando soprattutto una ha strappato un sorriso per chi ha assistito. Sergio è andato verso Michela per baciarla, lei ha risposto “Non mi puoi baciare” ma l’uomo non si arreso e ha replicato con un secco “Non me ne frega niente“. Insomma un simpatico siparietto a conclusione di una bella vittoria.