La Chiesa rimprovera Al Bano, ecco che cosa ha fatto

Al Bano al matrimonio: celebre cantante si è esibito in un momento e in un luogo particolare, arriva la bacchettata della curia.

Al Bano (GettyImages)
Al Bano (GettyImages)

Una polemica singolare. Al Bano è abituato alle contrapposizioni, ma non a quelle che arrivano direttamente dalle alte sfere ecclesiastiche. Una sua improvvida esibizione all’interno di un luogo di culto consacrato, durante un’occasione molto speciale, gli è valso il rimprovero diretto del vescovo di Andria.

Monsignor Luigi Mansi si è espresso così: «a nessuno è concesso di usare la liturgia come palcoscenico per organizzare esibizioni di qualunque natura. Sarebbe una grave offesa alla celebrazione e al luogo sacro». Un tono pacato, ma sicuramente deciso. Che cosa è successo?

Al Bano canta l’amore di due sposi in Chiesa, ma non si può

La polemica con l’alto prelato, che è intervenuto in seguito a immagini circolate moltissimo sui social network nelle ultime ore, si riferisce ad un episodio apparentemente del tutto innocuo e non dissacrante. Il celebre Al Bano si è infatti esibito nella cattedrale di Andria durante il matrimonio religioso, come ospite a sorpresa di alcuni amici o conoscenti la scorsa settimana.

La performance dell’aedo pugliese a ridosso dell’altare non è di certo passata inosservata. Alcune foto dell’esibizione sono state pubblicate dalla famiglia degli sposi su Instagram, ed è assurta ad una certa notorietà. La Chiesa non ha potuto non intervenire per rimettere ordine.

Va sottolineato. Il vescovo Mansi non intendeva tanto puntare il dito solo contro il cantante o gli sposi. Infatti sono i sacerdoti, in ossequio al rispetto delle norme sul rispetto dei luoghi sacri, che dovrebbero far sì che episodi del genere non accadano.

LEGGI ANCHE >>> Albano Carrisi costretto a rimandare: la situazione è cambiata

Nel documento, il monsignore ribadisce il suo punto e chiede a sposi, parenti, eventuali ospiti e organizzatori, un comportamento consono alla cerimonia. Un sacramento essenziale per la liturgia cristiana, che non deve diventare uno spettacolo.

«Se proprio si vuole gli artisti possono essere fatti esibire durante la festa nella sala ricevimenti», è l’ultima stoccata riservata al concerto improvvisato del povero Al Bano Carrisi.