Era un noto conduttore della Rai: ora è diventato prete

Il noto conduttore e autore della Rai, Fabrizio Gatta, dopo essersi ritirato dalle scene nel 2013 ha deciso di diventare prete.

Fabrizio Gatta (Google Images)
Fabrizio Gatta (Google Images)

Negli ultimi giorni sta facendo molto parlare di sé Fabrizio Gatta. Molti lo ricorderanno come volto noto della Rai. Negli anni scorsi, infatti, ha condotto Unomattina e Linea Verde. Oggi però, a distanza di qualche anno da quelle apparizioni televisive così importanti, per lui sembra essere cambiato tutto.

Attualmente infatti è diacono a Sanremo e presto dovrebbe essere ordinato sacerdote. Fabrizio Gatta è stato giornalista, conduttore e autore televisivo. Nel 2013 però, quando aveva una bella carriera avviata in Rai ha deciso di mollare tutto per seguire la propria vocazione. A quel punto si è avvicinato ai Missionari del Preziosissimo Sangue e lì ha cominciato a frequentare Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana.

Fabrizio Gatta: un’esperienza ultradecennale in Rai

Un vero e proprio cambio di vita che nel 2019 l’ha portato alla laurea e nel 2020 è stato ordinato diacono. Il suo percorso dovrebbe quindi proseguire a fine 2021, quando diventerà a tutti gli effetti un sacerdote. Tempo fa Gatta aveva raccontato all’Avvenire di aver avuto questa vocazione solo in tarda età e di aver poi deciso di proseguire lungo questo cammino.

LEGGI ANCHE >>> Reazione a catena senza respiro, succede di tutto: “sarebbe stato clamoroso”

Classe 1963, muove i primi passi in Rai nel 1996 diventando il conduttore del Concerto dell’Epifania, ruolo che poi ricoprirà per altre 8 edizioni. Ha anche lavorato a Miss Italia. Ha collaborato poi negli anni con Domenica In, Torno Sabato, Lineabianca. Dal 1999 al 2012 invece ha condotto la diretta di Rai Uno nella notte di Capodanno. Nel suo curriculum anche un’attiva partecipazione a Rai International. Insomma un comunicatore a tutto tondo che a quanto pare ha deciso di prestare la sua voce per un’attività decisamente diversa, lontana dai lustrini del mondo della tv.