Il principe Amedeo di Savoia è morto: chi resta della sua famiglia, cosa ereditano

Amedeo di Savoia, principe della ex casa regnante italiana, è deceduto la scorsa notte. Chi sono i membri della sua famiglia e i suoi eredi?

 

Amedeo di Savoia (Twitter)
Amedeo di Savoia (Twitter)

Ci ha lasciati all’età di 77 anni il principe Amedeo Duca di Savoia e Duca d’Aosta, durante la nottata di ieri a causa di complicazioni mediche. L’illustre membro del ramo cadetto della famiglia reale (al centro di un’annosa controversia) si trovava all’ospedale San Donato di Arezzo dove era stato ricoverato per subire un intervento chirurgico.

La (ex) Real Casa di Savoia ha diffuso la triste notizia in un comunicato. Chi era il principe? Quali sono i suoi eredi e i suoi familiari?

Amedeo di Savoia, principe cadetto: chi era il Duca d’Aosta, deportato, dove abitava

Nato a Firenze il 27 settembre 1943, Amedeo di Savoia era l’unico figlio di Irene di Grecia e di Aimone di Savoia, duca d’Aosta e re di Croazia come Tomislavo II durante la seconda guerra mondiale. Una fitta rete di discendenze dinastiche lo legava a moltissime famiglie regnati europee, dai Borbone di Spagna agli Zar di Russia.

Il principe cadetto nacque sotto i bombardamenti, a Villa Cisterna, quando i nazisti ancora controllavano la Toscana. Quando aveva nemmeno un anno, il 26 luglio 1944, fu deportato nel campo di concentramento austriaco di Hirschegg assieme a buona parte della famiglia.

Nel 1948, quando suo padre morì a Buenos Aires colpito da un infarto, assunse il titolo ducale di principe della casa Savoia-Aosta. Fino alla scomparsa, Amedeo viveva in Toscana, non lontano da Fiesole, a Castiglion Fibocchi.

Aveva messo a frutto le sue proprietà con spiccata capacità imprenditoriale. La sua azienda agricola (Vini Savoia-Aosta) è molto in salute, e il principe rivestiva il ruolo di consulente, consigliere d’amministrazione e presidente di svariate altre società. Per generazioni, appartenne alla sua famiglia la storica tenuta del Borro. Poi appunto la dolorosa vendita ai Ferragamo.

I familiari: la famiglia, mogli, divorzio, figli, l’erede Aimone di Savoia-Aosta

Amedeo sposa Claudia d’Orléans, principessa francese. Dalla loro unione nascono le figlie Bianca e Mafalda (rispettivamente nel 1966 e nel 1969), e soprattutto l’erede principale dei suoi beni e del titolo nobiliare Aimone di Savoia-Aosta (1967). Nel 1982, la coppia dal sangue blu divorzia. Amedeo avrà un’altra figlia da una relazione con Kyara van Ellinkhuizen, e sposerà la nobildonna Silvia Paternò di Spedalotto nel 1987.

Il principe Amedeo si è reso protagonista, nell’ultimo ventennio, di una clamorosa disputa dinastica. Egli ha sostenuto di essere il legittimo pretendente al trono d’Italia, spodestando sia Vittorio Emanuele di Savoia che Emanuele Filiberto. La controversia è stata oggetto di un solenne pronunciamento ufficiale della Consulta dei Senatori del Regno, che ha dato ragione al principe recentemente scomparso, qualificandolo come erede ufficiale di Umberto II. Il titolo adesso è passato a suo figlio Aimone.

I Savoia del ramo principale: Vittorio Emanuele di Savoia, Emanuele Filiberto di Savoia, Marina Doria. Chi eredita?

Marina Doria, Vittorio Emanuele e Emanuele Filiberto di Savoia (Getty Images)
Marina Doria, Vittorio Emanuele e Emanuele Filiberto di Savoia (Getty Images)

Il motivo ufficiale del decadimento della primazia di Vittorio Emanuele di Savoia, in teoria primo nella linea di successione al trono? Il suo matrimonio con una persona di “differente condizione sociale”. Si tratta di Marina Doria, la consorte de supposto erede al trono di casa Savoia, sciatrice nautica italo-svizzera senza origini nobiliari.

In tutta risposta, i membri del ramo principale di casa Savoia, rappresentati dall’anziano Vittorio Emanuele e da Emanuele Filiberto, citarono in giudizio i cugini Amedeo ed Aimone per il fatto che si firmavano con il solo cognome di Savoia, piuttosto che con il più preciso Savoia-Aosta. L’ipotesi di uso illecito di cognome però, non si è configurato: i due Savoia cadetti hanno vinto il ricorso in appello nel 2018.

Possiamo legittimamente osservare dunque che, alla morte del padre, Aimone di Savoia è divenuto il nuovo duca di Savoia e Capo della Real Casa, in disputa con la linea dinastica del ramo principale.

Al principe ereditario del trono d’Italia, alla moglie Olga di Grecia, e ai figli Umberto
Amedeo e Isabella
, spetta l’eredità diretta dei beni, delle fortune e dei titoli nobiliari del defunto e compianto Amedeo.