Salvini, ci risiamo: “Carla Fracci ricca che pensa solo ai migranti”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:57

Torna a fare scalpore un vecchio tweet di Matteo Salvini, dove attaccava Carla Fracci, accusandola di simpatizzare con i migranti.

Matteo Salvini e Carla Fracci
Matteo Salvini e Fracci

Il web è un mondo particolare, che trascende le regole della memoria. Nulla viene dimenticato, tutto o quasi è immagazzinato qua e là in attesa di essere ritirato fuori. Va da sé che quando si scrive una cosa bisogna prestare la massima attenzione prima di pubblicarla se non si vuole finire col ricevere critiche a distanza di anni.

La morte della Fracci ha riportato a galla un vecchio tweet di Matteo Salvini. Il leader della Lega poco dopo la dipartita della grande ballerina aveva scritto: “È mancata stamane nella sua Milano, al cui prestigio internazionale tanto ha dato. Un commosso addio a Carla Fracci, simbolo assoluto della danza, dell’arte e della cultura, che in tanti anni di carriera formidabile ha illustrato il nome dell’Italia nel mondo”.

Ecco cosa pensava Salvini di Carla Fracci nel 2017

Sin qui nulla da dire, un omaggio giusto e corretto ad una grandissima artista. Peccato che diversi internauti hanno fatto notare allo stesso Salvini, che 4 anni fa, per la precisione il 19 maggio 2017, il numero uno del Carroccio scriveva così: “Centri sociali, Carla Fracci, Croce Rossa, Emma Bonino, Cgil, Roberto Vecchioni, Claudio Bisio, Sindaci del PD e Cooperative rosse. Tutti allegramente in piazza a Milano domani con il portafoglio pieno per chiedere più diritti e più accoglienza per gli immigrati. A loro gli italiani interessano poco”.

LEGGI ANCHE >>> “Carla Fracci ci stavi antipatica”: il titolo che fa infuriare i fan

Carla Fracci è sempre stata additata come una persona di sinistra. La verità però è che l’arte non ha colore politico e la grande ballerina era solo una donna dai sani valori. Durante la sua lunga carriera, infatti, la Fracci non ha mai fatto differenza tra uno spettacolo alla Scala e una sagra di paese, per lei la sua arte era di tutti ed è stato proprio questo il segreto della sua grandezza.