Violentava la figlia, ma non era l’unica vittima: manette per “L’orco di Caserta”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:12

Un uomo di 52 anni, accusato di pedofilia e violenza sessuale è stato arrestato a Caserta nel pomeriggio. Le accuse sono gravissime.

pedofilia (Getty Images)
pedofilia (Getty Images)

Una violenza brutale, distribuita nell’arco di almeno un decennio. Sono queste le accuse rivolte ad un uomo di 52 anni residente in provincia di Caserta.

Nel primo pomeriggio, quello che alcuni già definiscono “l’orco di Caserta”, è stato arrestato dagli agenti del commissariato di Santa Maria Capua Vetere. Per ora si tratta solo di un’ordinanza di custodia cautelare, da tenersi in carcere. Ma le ipotesi di indagine rivelano un quadro drammatico. Si parla di violenza sessuale a danno di minori e gravi maltrattamenti in famiglia.

Le gravissime accuse di pedofilia e violenza

Secondo gli inquirenti, le violenze sessuali riguarderebbero innanzitutto la figlia dell’uomo, ancora minorenne, ma violentata fin dall’età di soli 6 anni. Ma non solo. Anche un’altra giovane ragazza, sempre minorenne, sarebbe stata ripetutamente abusata. Si tratta della fidanzatina del figlio.

La condotta dell’uomo sarebbe stata inqualificabile, anche nel contesto di una vicenda agghiacciante di abuso su minori. La figlia, fin dai 6 anni, secondo le ricostruzioni, sarebbe stata costretta a intrattenere rapporti sessuali in casa, anche sotto gli occhi del fratello minore.

La fidanzata del figlio, all’epoca poco più che 14enne, sarebbe stata orrendamente manipolata per essere convinta a concedersi senza fare opposizioni. L’indagato avrebbe cercato di ricoprire il ruolo di figura paterna. Infatti, la ragazza aveva da poco perso il padre. Gli abusi sessuali, anche in questo caso, si sono consumati nell’abitazione dell’uomo. Ma anche, addirittura, presso il domicilio di lei.

Non è tutto: l’indagato teneva comportamenti vessatori e di prevaricazione nei confronti della moglie e dei figli. La donna e gli adolescenti erano abitualmente costretti a sopportare angherie di ogni tipo, con tanto di violenze fisiche. Pare che la perversione del 52enne di Caserta fosse quella di vittimizzare e umiliare le persone più deboli di lui.

LEGGI ANCHE >>> Pedofilia e Revenge Porn: finalmente chiusa una chat Telegram

Una storia che esime dalla semplice violenza sessuale, ma che riguarda un abuso fisico e psicologico totale. Per il momento, il presunto “orco” resterà in carcere, in attesa che l’orribile verità venga confermata o smentita.