Fedez-Salvini, niente scontro in tv? Il rapper ha rifiutato per un motivo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:13

Fedez e Salvini non si scontreranno in tv e per questo il leader della Lega ha attaccato il rapper. La verità però è ben altra.

Matteo Salvini e Fedez
Matteo Salvini e Fedez

Nei giorni scorsi ha tenuto banco la diatriba tra Fedez e la Lega. Il rapper milanese, da sempre favorevole al ddl Zan lo ha difeso strenuamente sul palco del concerto del primo maggio. Non si è limitato però solo a quello, ha infatti citato anche delle vecchie frasi di esponenti del carroccio palesemente omofobe.

Proprio questo suo discorso era finito nell’occhio del ciclone. Secondo Fedez infatti la Rai avrebbe tentato di censurarlo. Dall’altro lato invece l’emittente di Torino ha accusato il cantante di aver modificato il video della telefonata poi pubblicato sul web per mettere in cattiva luce l’azienda.

Fedez-Salvini: è sempre scontro

In questi giorni Fedez e alcuni esponenti della Lega tra i quali Salvini si sono beccati a distanza via social. In particolare il leader del carroccio ha accusato il cantante di aver rifiutato il confronto diretto in uno dei tanti salotti tv che lui è solito frequentare. Il rapper ha risposto con la sua solita irriverenza tramite una clip su Instagram.

Premesso che Fedez era ed è un cantante e quindi non dovrebbe essere una priorità di Salvini, c’è un motivo particolare che probabilmente ha spinto il cantante a rifiutare in questa settimana ogni invito. Ieri infatti era il compleanno della moglie Chiara Ferragni inoltre in questi giorni c’è stato anche l’anniversario della famosa proposta di matrimonio fatta all’Arena di Verona.

LEGGI ANCHE >>> Non solo Fedez: cinque grandi personaggi banditi dalla Rai

La coppia più famosa d’Italia, insieme ai figli, ha deciso di prendersi una vacanza in Toscana per riposarsi e festeggiare degnamente queste ricorrenze. Nessuna stranezza quindi, semplicemente il cantante ha voluto dare la priorità alla sua famiglia. In futuro chissà. Salvini da par suo dovrebbe concentrarsi probabilmente più sulle sorti del paese piuttosto che sugli sconti nei talk.