Migranti in acque internazionali: richiesta di aiuto lanciata sui social

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:14

Una barca con 95 migranti è a rischio nel Mediterraneo. Ora arriva la richiesta di aiuto da Alarm Phone per evitare una strage. 

Migranti (Adobe Stock)
Migranti (Adobe Stock)

Ci sono 95 emigrati, in questo momento, che chiedono disperatamente aiuto sia alla Guardia costiera italiana sia alle forze maltesi. Sono nelle acque internazionali e si potrebbe assistere ad un vero e proprio dramma.

Sappiamo bene che il problema dei migranti è sempre attuale, ora si sta verificando una situazione che potrebbe creare un altro disastro. Le ong sono sempre attive per salvaguardare ogni vita ma l’attesa delle decisioni politiche, italiane ma anche come quelle maltesi, possono arrivare troppo in ritardo.

La richiesta di aiuto si è avuta tramite il profilo Twitter di Alarm phone. I tweet sono abbastanza espliciti e parlavano di grave pericolo, motore che ha smesso di funzionare e con una imminente tempesta in arrivo.

Le drammatiche parole dei migranti e altri soccorsi

Non è finita qui. Anche i migranti stanno spingendo per farsi salvare la vita. Nei tweet successivi di Alarm Phone si riportano le parole dei protagonisti di questa spaventosa vicenda. Dicono che il mare è ampissimo, le onde alte ma la barca è troppo piccola per sostenere tutto questo. La situazione potrebbe degenerare da un momento all’altro

LEGGI ANCHE >>> Lega da separata in casa, ma non può passare all’opposizione

Il lavoro di salvataggio delle navi in quelle acque non si fermano solo a questo caso. Da segnale anche un’altra situazione, il sesto salvataggio in 72 ore della Sea Watch. Il soccorso è arrivato per 51 persone che erano all’interno di una barca di legno a doppio piano. Dopo questi salvataggi, la Sea Watch si è fatta sentire tramite Twitter parlando di ben 455 persone che hanno il diritto di sbarcare al più presto possibile. Questa si trova a circa 75 chilometri da Lampedusa e richiede urgentemente la possibilità di approdare in un porto sicuro.