Fedez contro Rai: la clamorosa vicenda del primo maggio (VIDEO)

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:14

Il concertone del primo maggio ha visto nascere una polemica dura che vede come protagonista Fedez scagliarsi contro la Rai.

Come ogni anno si è tenuto, a Roma, il concerto del primo maggio per la festa dei lavoratori. Tra gli ospiti presente Fedez che è stato uno degli artisti che ha avuto la possibilità di fare un discorso. Il rapper milanese ha però detto la sua anche su una questione molto delicata: il ddl Zan.

Dopo il suo discorso, sono scoppiate le polemiche. La Rai, spinta anche da una certe corrente proveniente dal Carroccio, nega di aver tentato di censurare il testo proposto da Fedez. Ma è il cantante stesso a proporre il video di una telefonata che sembrerebbe lasciare pochi dubbi.

Fedez vs Rai: la telefonata che lascia pochi dubbi e la risposta della Rai

La polemica si è incalzata subito quando la vicedirettrice di Rai 3 ha smentito qualsiasi atto di censura, o almeno di ammorbidimento del discorso di Fedez. L’artista, sentendo la presa di produzione dell’emittente, ha deciso di condividere sui social la telefonata con i dirigenti Rai.

Nella telefonata si vede un Fedez molto su di tono e si sente, dall’altra parte del telefono, dire di “adeguarsi ad un sistema”. In questo contesto si inserisce la Lega che ha subito capito l’eventuale pericolo e ha emesso un comunicato. Nel testo si faceva riferimento al fatto che non si sarebbe dovuta fare politica durante la festa dei lavoratori e in caso contrario avrebbero impugnato il contratto e i costi sarebbero pesati sui sindacati.

LEGGI ANCHE >>> Voleva sequestrare le persone in fabbrica”, botta e risposta Salvini- Fornero

La risposta della Rai non si è fatta attendere. L’emittente di Viale Mazzini, in una nota, ha smentito il fatto che aver chiesto prima i testi degli artisti, sostenendo che la richiesta è partita da chi organizzava il concerto. La vicedirettrice Capitani ha lasciato massima libertà a Fedez, come agli altri artisti, ritenendo inadatto il contesto in cui sarebbero state dette quelle parole. A seguire la telefonata postata sui social dal rapper milanese.